eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 24 giugno 2021


Ciliegie, 2021 vs 2020: prezzi in netto ribasso

Gli ultimi dieci giorni hanno regalato poche soddisfazioni ai produttori italiani di ciliegie. L'offerta nazionale è stata infatti rilevante in termini quantitativi e ha superato la domanda del mercato. Tale tendenza ha provocato un ribasso delle quotazioni medie del prodotto e difficoltà di collocamento dei calibri piccoli.

L'ondata di caldo, finora, non ha quindi dato gli effetti sperati. E oltre a calare, i prezzi non sembrano essere nemmeno tanto soddisfacenti per i produttori di tutti gli areali d’Italia, nessuno escluso. Per rendersene conto basta analizzare il mercuriale del Mercato ortofrutticolo di Vignola, zona dove la cerasicoltura di qualità è molto diffusa. 

Il listino in questione riporta non solo le quotazioni (massime, minime e prevalenti) per ogni giornata, ma anche i quintali che - sempre quotidianamente - entrano nella struttura. Il confronto tra i prezzi di quest’anno e quelli dell’anno scorso (annata di quotazioni alte) è abbastanza marcato, come si può vedere nelle tabelle sottostanti, che parlano da sole. 

Fonte: Comune di Vignola (Mercato ortofrutticolo)

La Ferrovia Igp, per esempio, registrava un prezzo prevalente pari a 5,6 euro il chilo il 21 giugno 2020. Lo scenario del medesimo giorno di quest'anno è completamente diverso e vede un prezzo medio più basso del 40% (3,4 euro il chilo) nonostante una offerta inferiore (62 quintali contro 92 quintali). 

Anche per le altre varietà, la dinamica è simile. La Samba Igp è passata da 7,5 a 3,9 euro/kg (-48%); la Lapins Igp da 4,8 a 3,2 euro/kg (-33%); la Cristalina Igp da 5,2 a 3,9 euro/kg (-25%) e così via. I prezzi attuali rimangono accettabili, ma il confronto con l’annata precedente - ugualmente condizionata dal gelo tardivo - è impietoso. Sono i consumi a non tirare, è la qualità che non soddisfa i consumatori o è l’offerta nazionale a essere troppo abbondante? Difficile dare una sola risposta. Analizzaremo questo argomento con estrema attenzione nelle prossime uscite. 
Fonte: Comune di Vignola (Mercato ortofrutticolo)

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: