eventi
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

martedì 9 novembre 2021


Clementine «svendute», tensione in Puglia

Clementine a prezzi stracciati e agricoltori "spremuti" dalla grande distribuzione. La stagione di raccolta degli agrumi non lascia intravedere nulla di buono a causa dei ripetuti tentativi di deprimere il mercato. A causa delle condizioni climatiche, quest’anno c’è una evidente diminuzione della produzione. In parallelo però siamo inondati da prodotti esteri provenienti principalmente dal Sudafrica o dalla Spagna e che vengono commercializzati come se fossero coltivati in Italia. Per Cia occorre incentivare il mercato ambulante, per non essere schiacciati dalla grande distribuzione organizzata. Sul tema si ricorda che è stato approvato in Consiglio dei Ministri lo schema di decreto legislativo che vieta le pratiche sleali nei rapporti commerciali della filiera agroalimentare, sia tra imprese che in materia di commercializzazione dei prodotti agricoli e alimentari. Ci si augura che sia un primo passo contro la speculazione sui prezzi.

“Da un primo monitoraggio che abbiamo svolto – spiegano Pietro De Padova e Vito Rubino, rispettivamente presidente e direttore di Cia Agricoltori Italiani Due Mari – i prezzi alla vendita sono troppo bassi sui banchi della grande distribuzione per il moltiplicarsi delle campagne sottocosto: una vera e propria speculazione determinata anche dall’assurdo fenomeno di quella che viene chiamata asta a doppio ribasso. Si realizza una vendita sottocosto attraverso le offerte a prezzi stracciati anche di primizie, nel corso della quale i fornitori sono chiamati a presentare la loro offerta al prezzo più basso e, nel corso di una seconda asta, a presentare un ulteriore ribasso sulla base del prezzo risultato inferiore nella fase precedente”.

“Ad avere il margine di guadagno – rileva De Padova – è sempre la grande rete di supermercati e discount che mette negli scaffali prodotti alimentari a prezzi super scontati. A rimetterci sono sempre i produttori, costretti a subire contratti a cifre troppo ridotte che non coprono nemmeno i costi di produzione. Un sistema, quello degli abbassamenti esagerati dei prezzi, che spreme gli agricoltori e alimenta la catena dello sfruttamento delle imprese e, in sostanza, distrugge la filiera”. Cia Due Mari consiglia agli agricoltori di non subire i ricatti della Gdo e di aspettare a vendere, in quanto sia la qualità che la quantità potrebbero meglio apprezzarsi visto anche l’allungarsi dei tempi di maturazione.

“Le vendite sottocosto, che non consentono all’agricoltore di coprire neanche i costi di produzione – insistono i rappresentanti di Cia – provocano pesanti distorsioni e speculazioni che, senza dubbio, aggravano i pesanti squilibri lungo la filiera nella distribuzione del valore. Siamo molto preoccupati per la campagna agrumicola, anche per i risvolti sociali che si possono avere in alcune aree della regione dove si può alimentare la catena di sfruttamento, che nessuno vuole. I produttori di clementine pugliesi non potranno più sostenere una campagna in perdita. Se così sarà, assisteremo alla definitiva distruzione del patrimonio agrumicolo regionale. Per questi motivi, vanno immediatamente fatti passi decisivi con l’intera filiera produttiva e in particolare con la distribuzione, alimentando anche e immediatamente una campagna promozionale in modo da esaltare e non offuscare l’identità dei nostri territori e prodotti. Continueremo questa nostra battaglia coinvolgendo i cittadini-consumatori – concludono – con un monitoraggio costante dell’andamento del mercato al fine di smascherare chi danneggia gli produttori agricoli”.

Fonte: Cia Puglia


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: