eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 29 aprile 2021


Meloni siciliani, la campagna entra nel vivo

Con un clima caldo e soleggiato, in Sicilia entra nel vivo la campagna dei meloni. Tra i primi ad arrivare sui mercati ci sono quelli dell’azienda agricola Cuore Verde di Pachino (Siracusa).



“Si tratta di meloni Charentais brodè – spiega a Italiafruit News Santo Zara, amministratore dell’azienda – li stiamo raccogliendo da circa una settimana, anche se la produzione va un po’ a rilento dopo le tre settimane di freddo che abbiamo avuto ad aprile. L’anno scorso anno il 15 di aprile avevamo già iniziato la raccolta, quest’anno siamo un po’ in ritardo ma i volumi saranno gli stessi”.



E aggiunge: “Sempre per colpa del clima, inizialmente i frutti hanno faticato a raggiungere la giusta pezzatura ma ora vanno da 900 grammi a 1,2 chilogrammi l’uno. E anche la qualità è ottima: solo sui primi tagli abbiamo registrato qualche problema ma il sole di questi giorni sta donando ai frutti il loro tipico sapore e colore”.



L’azienda commercializza i meloni Charentais brodè in cassette di cartone da sei o da cinque frutti, a seconda della pezzatura. Anche se il canale della ristorazione è ancora latitante e le vendite appaiono lente, l’azienda pensa che possa prospettarsi un bel mercato, anche per la tipologia dei frutti: “A differenza dei meloni retati, si sente che i nostri sono degli Charentais, hanno decisamente una marcia in più”.



“Per il momento possiamo contare su dei buoni prezzi – commenta Zara – anche se, appena inizierà la produzione a flusso continuo e apriranno tutti i ristoranti, probabilmente le quotazioni scenderanno un po’”.


La produzione dei meloni a Pachino rappresenta un importante ritorno alle eccellenze del passato. Se una volta la zona era vocata per questa produzione, negli anni ha preferito investire sugli ortaggi come i pomodori. “Con il problema della tuta absoluta che colpisce i pomodori, era sempre più difficile realizzare una seconda campagna di questi ortaggi – sottolinea il produttore – per questo noi, come altri produttori della zona aderenti all’Op Agrinsieme, abbiamo preferito utilizzare le serre per la produzione dei meloni”.



Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: