eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 17 giugno 2013


AL VIA OGGI A MATERA L’8° CONVEGNO INTERNAZIONALE SUL PESCO. IL PUNTO DEGLI ESPERTI SULLE INNOVAZIONI TECNICO-SCIENTIFICHE A LIVELLO MONDIALE

La Società Internazionale di Ortofrutticoltura (International Society for Horticultural Science, ISHS) insieme ai dipartimenti delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali (DiCEM) dell'Università degli Studi della Basilicata e di Scienze Agrarie e Forestali dell'Università di Palermo, organizzano a Matera, da oggi al 20 giugno, l'8° edizione del Convegno Internazionale sul Pesco (VIII International Peach Symposium), convener i professori Cristos Xiloyannis e Paolo Inglese.
La città di Matera è stata scelta, dopo Lleida in Spagna nel 2009 e Santiago del Cile nel 2005, quale località ideale perché inserita in un'area fortemente vocata ad una produzione di pesche e nettarine di alta qualità. In particolare l'area del Metapontino, che rappresenta l'85% della produzione della regione, è un'area che ha investito intensamente nella coltura specializzata del pesco.
Lo scenario storico-culturale e paesaggistico senza eguali di Matera diventa così teatro per l'incontro e lo scambio del sapere scientifico e dell'esperienza agricola a livello mondiale, per sostenere e promuovere l'eccellenza produttiva delle pesche dal punto di vista ambientale e qualitativo.
Matera è anche sede del DiCEM, dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo, dell'Università degli studi della Basilicata, che promuove il convegno insieme al dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali dell'Università di Palermo. "L' VIII Convegno Internazionale sul Pesco - dichiara il professor Cristos Xiloyannis - è l'occasione per far conoscere e rilanciare l'intero territorio lucano. E' stata premiata l'eccellenza e la produttività nell'attività di ricerca di una giovane e piccola Università". "Un aspetto importante da sottolineare è che questa manifestazione – aggiunge Cristos Xiloyannis - ha raccolto l'adesione di molti sponsor privati che hanno colto l'importanza di questo evento, sia a livello locale che a livello internazionale".
Al simposio interverranno ospiti provenienti dal mondo accademico e dalla comunità scientifica e tecnologica internazionale, con relatori di fama riconosciuta, quali A. Abott, I. Verde, H. Duval, F. Fukuda, R. Ma, J. Marsal, D. Neri, T.M. De Jong, G. Costa, C. Crisosto, P.Tonutti, D. Layne, su tematiche di importanza strategica per il futuro del comparto ortofrutticolo. Tra i principali temi in discussione ci sono: sostenibilità ambientale, gestione, alimentazione e salute, marketing, biotecnologie, trasferimento delle innovazioni. "Uno degli obiettivi a cui dedicheremo il massimo impegno in questi giorni è il trasferirmento delle conoscenze tecnico-scientifiche ed innovazioni dai ricercatori ai produttori, aspetto che a nostro avviso rappresenta uno snodo fondamentale per lo sviluppo del settore" - ha spiegato Cristos Xiloyannis.



Nella foto: Cristos Xiloyannis

In totale sono pervenuti 170 lavori scientifici da 25 paesi europei ed extraeuropei dei cinque continenti, tra cui: Spagna, Turchia, Sud Africa, Afghanistan, Stati Uniti, Cina, Iran, Australia, Argentina, Cile, Brasile, Canada.
Durante la conferenza stampa di presentazione Luigi Catalano (CIVI-Italia/CoViP) è intervenuto a proposito degli avanzamenti della ricerca relativa alla Sharka, virosi che ha colpito duramente le coltivazioni anche a livello locale: "purtroppo una soluzione non è stata ancora trovata, ma si stanno percorrendo diverse strade, dalle tecnologie molecolari al breeding assistito, per cercare una soluzione attraverso varietà resistenti a questa malattia".



Nella foto: Luigi Catalano

Il convegno è stato inoltre preceduto dall'incontro tra i 60 delegati dei circa 210 Stati membri dell'International Society for Horticultural Science ISHS. L'evento riveste estrema importanza. E' la prima volta, infatti, che il "Board" di questa istituzione di grande visibilità internazionale si riunisce in Italia. Ieri pomeriggio inoltre la sede congressuale ha ospitato le celebrazioni per i 60 anni della Società di Ortoflorofrutticultura Italiana. La SOI è stata fondata il 12 dicembre 1953 a Firenze con lo scopo di sviluppare la cooperazione scientifica e tecnica e lo scambio di idee e di conoscenze tra il mondo della ricerca scientifica, gli imprenditori ed i professionisti.
La giornata di mercoledì 19, invece, sarà dedicata alle visite tecniche presso le aziende produttrici di pesche della piana di Sibari e del distretto agro-alimentare del Metapontino; in queste ultime sta avendo luogo la sperimentazione di pratiche sostenibili di gestione dei pescheti, atte a ridurre le quantità di acqua utilizzate e ad incrementare la capacità dei frutteti di assorbire carbonio; tale sperimentazione fa parte di un dibattito scientifico molto attuale sul ruolo che l'agricoltura, e in particolar modo l'arboricoltura, possono avere nella mitigazione dei cambiamenti climatici e nella lotta alla desertificazione, nonché sulle tecniche in grado di favorire l'adattamento delle colture a questi cambiamenti.
"Le sfide per il comparto, qui in Basilicata, oggi consistono nella valorizzazione del territorio e nella creazione di un marchio di qualità riconoscibile per portare il nostro prodotto sul mercato internazionale – ha affermato Andrea Badursi, Vice Presidente Assofruit Italia, fra i più importanti sponsor dell'evento -. Per conquistare nuovi mercati servono prodotti di eccellenza".



Nella foto: Andrea Badursi

La manifestazione è patrocinata e sostenuta dal Ministero delle Politiche Agricole, Regione Basilicata-Dipartimento Agricoltura, Alsia, Distretto Agroalimentare di qualità del Metapontino, Università degli Studi di Basilicata, Università degli Studi di Palermo, Comitato Matera 2019, Camera di Commercio di Matera. Gli sponsor principali sono: Assofruit Italia, FEASR Basilicata 2007-2013, Osas, Sibarit, CampoVerde. Ulteriori sponsor sono Timac Agro Italia, International Plant Selection, Gowan Italia, TR snc strumenti scientifici per l'agricoltura, Vitroplant Italia, Agricola Internazionale, Fitotechniki, Civi-Italia, Covip, Covil, Compo, Vivai Battistini Cesena, Sipcam Italia, Syngenta, Gobbi srl, Cermac, Apo Conerpo, Pempa Corer, Apo Fruit, Orogel Fresco, BASF, Sumitomo Chemical Italia, Bayer Crop Science, Unitec.

Copyright Italiafruit


Altri articoli che potrebbero interessarti: