eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

martedì 15 marzo 2022


La sostenibilità che stride

Quando si tratta di proteggere l’ambiente, l’UE sicuramente guarda alla produzione di frutta come ad un settore che abbia raggiunto la maturità in questo campo e non possa migliorare oltre. Ma si potrebbe aiutare a rendere l’agricoltura più sostenibile eliminando parte delle banane che importiamo?
 
Consideriamo solamente la spaccatura che hanno causato il Green deal e le strategie From Farm to Fork. Da un lato, c’è chi pensa che la decisione di vietare il Mancozeb, un prodotto largamente utilizzato nelle piantagioni dell’America latina che forniscono il 70% delle banane europee, presa nel 2020 dovrebbe portare ad un blocco di tutti i frutti trattati con quella sostanza. Dall’altro lato, troviamo un Gruppo di grandi produttori e multinazionali, tra cui nomi famigliari come Chiquita, Del Monte, Dole e Fyffes, che naturalmente vogliono mantenere il proprio accesso ai mercati chiave. Infine, una domanda di vecchia data: quanto è disposto a sborsare il mercato? 

Secondo questo articolo pubblicato su Politico, uno dei frutti più economici d’Europa potrebbe diventare un importante banco di prova per Bruxelles nel tentativo di ridurre l’impronta ambientale dell’agricoltura. Nel prossimo mese è attesa una riduzione dei limiti legali di residui di Mancozeb accettati.

Al momento, di sicuro, questo è nulla in confronto all’ondata di profughi in uscita dall'Ucraina, che è la più grande preoccupazione per i fornitori di banane operativi in Africa e America latina e che esportano verso l’Europa. Il mercato della banana è uscito dalla pandemia relativamente indenne, ma la chiusura di due mercati chiave come Ucraina e Russia ha reso ulteriormente precario l’equilibrio di domanda e offerta. Come spiega il capo dell’associazione degli esportatori di banana dell’Ecuador: “Stiamo venendo obbligati a vendere i frutti a prezzi più bassi, in più dobbiamo far fronte all’aumento dei costi di trasporto e logistica conseguenti al cambio di destinazione”.

La sofferenza del sud

Nel frattempo, l’esclusione della Russia dal Sistema finanziario globale continua a lasciare i fornitori scossi e preoccupati.

I produttori del Tucumàn, Argentina, hanno deciso di bloccare la raccolta dei limoni e aspettare di vedere se la Russia riuscirà ad acquistare il solito quarto delle esportazioni totali del Paese. In Sudafrica, intanto, sembra non ci sia alcuna possibilità di reindirizzare le pere su altri mercati: “Di solito la Russia acquista uno specifico segmento di frutta che non viene richiesto su altri mercati”, ha detto al nostro corrispondente, Fred Meintjes, uno dei principali fornitori. Di conseguenza, la maggior parte di quella frutta verrà trasformata. Il piano, sembra, è stato creato apposta per la pera. 

E poi c’è la piccola domanda riguardo quei più di 200,000 pallet di agrumi del Sudafrica che non si sa se riusciranno a trovare un acquirente. Per gli esportatori meridionali, questo cocktail di complicazione sembra lascerà un retrogusto amaro.

Per leggere l'articolo intero e per seguire la Freshly Squeezed newsletter di Mike Knowles clicca qui.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


di Mike Knowles

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: