eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 3 giugno 2021


«Ciliegie, perchè la Gdo non espone il doppio prezzo?»

“Il settore cerasicolo pugliese si trova di fronte a due importantissimi problemi, una questione congiunturale e una più grave di livello strutturale”. A dirlo a Italiafruit News è Gianni Porcelli, coordinatore del comitato ciliegie per Ortofrutta Italia nonché vice direttore di Confagricoltura Bari-Bat, commentando la protesta dei giorni scorsi a Casamassina (clicca qui per approfondire).

La questione congiunturale è legata all’annata e alle condizioni produttive, in particolare alla pezzatura. “Non è vero che manca prodotto, anzi ce n’è parecchio – commenta Porcelli – le piante sono ‘cariche’ e tra i frutti ce ne sono alcuni di media pezzatura, che si fa fatica a valorizzare sul mercato. Questo potrebbe influire sui prezzi sul mercato, che conferisce valore aggiunto a ciliegie dal calibro maggiore”.


Gianni Porcelli

Ma il vero e proprio problema è strutturale, ovvero una mancanza di controllo della filiera.
“Nonostante la questione rappresentata – sottolinea il coordinatore del comitato tecnico – non si può giustificare lo squilibrio dei prezzi produttore-consumatore che si è venuto a creare. Il fatto che la Gdo detenga il 70% del mercato, non la giustifica a non dare spiegazioni alla filiera sui prezzi di vendita: parliamo di una differenza che va dai 2 euro pagati al produttore fino agli 8 euro (come minimo) richiesti ai consumatori. E’ ovvio che è necessaria maggiore trasparenza sulla filiera e, forse, non solo per le ciliegie”
E continua: “I consumatori non sanno cosa succede nella filiera e non comprendono la gravità del problema: perché la Gdo non inizia ad esporre il doppio prezzo? Così da spiegare ai consumatori quanto le ciliegie sono state pagate all’origine e la cifra a cui sono proposte sugli scaffali. E’ importante capire cosa sta succedendo in questo mercato, per questo ho in mente di elaborare un’indagine sulla filiera che mi piacerebbe realizzare congiuntamente al consorzio della ciliegia di Vignola. Abbiamo tutti il diritto di capire i meccanismi interni al mercato e correggerli”.



Nonostante il dito puntato contro la Gdo, Porcelli individua anche un mea culpa per i produttori pugliesi.
“Noi pugliesi dobbiamo fare dei passi in avanti sulle politiche di valorizzazione dei nostri prodotti: è giunta l’ora di riunirci sotto un unico marchio territoriale visto che deteniamo il 40% delle ciliegie nazionali – dice – dobbiamo spersonalizzarci e andare avanti con un unico marchio che potrebbe essere ‘Ciliegie di Puglia’ per costruire una filiera trasparente e controllabile”.
“Il modello – conclude – dovrebbe essere quello della ciliegia di Vignola, che affianca un marchio di filiera a uno di tipo territoriale con meccanismi di controllo e di tutela del marchio che sono ormai consolidati e danno ottimi riscontri sul mercato”.


Cia Puglia: “La guerra delle ciliegie si vince solo unendosi”


Ciliegie lasciate a terra - Cia Puglia


Sempre sulla protesta delle ciliegie pugliesi interviene anche Cia Agricoltori Italiani della Puglia, commentando i fatti di Casamassina, dove intere cassette di ciliegie sono finite svuotate per strada "a tingere di rabbia l'asfalto".

"Cosa sta succedendo alla campagna cerasicola pugliese?" si chiede l'associazione nella nota stampa diffusa nei giorni scorsi. “Succede che moltissimi piccoli e medi produttori, in Puglia, non sono nelle condizioni di raccogliere il prodotto perché il prezzo che viene loro accordato non copre nemmeno le spese per la raccolta e i costi di produzione”, ha spiegato Raffaele Carrabba, presidente di Cia Agricoltori Italiani della Puglia

Sono principalmente tre i fattori sui quali le controparti dei produttori stanno facendo leva per spingere al ribasso i prezzi corrisposti ai produttori - continua la nota. “A causa di alcuni fattori climatici, il calibro di una parte del raccolto è inferiore ai consueti standard”, ha aggiunto Sergio Curci, responsabile Gie Ortofrutta per Cia Puglia. “Le dimensioni ridotte, che pure non inficiano la qualità delle ciliegie, fanno si che il prodotto sia giudicato meno appetibile per il consumatore”. “A questo, poi, si aggiunge che, nella nostra regione, il raccolto quest’anno sia caratterizzato da quantitativi rilevanti che hanno intasato il mercato nelle prime settimane di campagna cerasicola. Il terzo fattore è rappresentato dall’esiguità del numero di Op (Organizzazioni di Produttori), di cooperative o consorzi capaci di aggregare l’offerta, programmarne l’uscita sul mercato, differenziarla per tipologie e destinazione di consumo o trasformazione a seconda dei differenti livelli qualitativi delle ciliege prodotte”. 



“Quella dei prezzi al ribasso e dello squilibrio tra quanto accordato ai produttori e i profitti della Gdo è una questione che riguarda tutto il settore della frutticoltura e più in generale dell’ortofrutticolo”, ha dichiarato Carrabba. “Noi stiamo puntando sull’aggregazione dei produttori. Fare massa critica significa avere un potere contrattuale più elevato ed essere in possesso delle risorse necessarie a fare programmazione e a investire nella ricerca varietale. Occorre programmare campagne cerasicole nelle quali la produzione non sia subito ingolfata da grandi quantitativi, ma che distribuisca la raccolta sull’arco di più settimane. E’ necessario, poi, saper realizzare una programmazione anche rispetto alle diverse qualità: nei mercati rionali e cittadini, così come nei supermercati, dobbiamo fare arrivare prodotti di grande qualità che siano remunerativi per i produttori. Allo stesso tempo, è necessario saper prevedere che una parte dei raccolti, quelli caratterizzati da calibri e resa qualitativa differente, possa prendere la via della trasformazione in bevande, succhi di frutta, confetture, prodotti essiccati, preparati vitaminici e altro ancora”. 

“La rabbia è comprensibile. Siamo solidali con i produttori che hanno manifestato, ma allo stesso tempo dobbiamo dire chiaramente che quella rabbia va incanalata in qualcosa di più costruttivo, altrimenti non ci resteranno altro che cassette svuotate a terra e frustrazione crescente. Dalla politica dobbiamo pretendere gli strumenti e le azioni necessarie a favorire le aggregazioni e un riassetto organizzativo del settore. A noi stessi, invece, dobbiamo chiedere un cambio di mentalità, un’apertura verso il futuro che è fatto di aggregazione, con la nascita di nuove Organizzazioni di produttori, perché un produttore solo è anche più debole e maggiormente esposto alle manovre speculative”.



Secondo Pietro De Padova, presidente Cia Due Mari (Taranto-Brindisi), “la Gdo negli ultimi 20 anni di fatto ha stritolato i produttori agricoli. All’interno dei supermercati i prodotti non ricevono il giusto riconoscimento, poiché divengono oggetto o di svalutazioni al ribasso per fare da prodotto ‘civetta’ o di rincari spesso spropositati, soprattutto a fronte di quanto viene riconosciuto ai produttori. Forse è arrivato il momento di favorire la rinascita di punti vendita e negozi specializzati per la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli, poiché la grande distribuzione, anziché avvicinare il produttore al consumatore, allarga la forbice imponendo costi aggiuntivi alla filiera legati alla logistica e ai trasporti. Le perdite per gli agricoltori sono sempre più consistenti, poiché stiamo parlando di merce altamente deperibile che, tra l’altro, sui banconi della Gdo viene spesso maneggiata dai consumatori-clienti, accelerando così il processo di deterioramento”.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: