eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 31 agosto 2017


I produttori europei sono ottimisti

Copa Cogeca, l’organizzazione europea degli agricoltori e delle loro cooperative, ha pubblicato i risultati di un sondaggio condotto nei primi tre mesi del 2017, secondo cui i produttori sono più ottimisti sulla situazione economica attuale e le prospettive future rispetto a un anno prima, quando era precipitata ai minimi storici.

“Anche se i prezzi dei prodotti agricoli restano su livelli insoddisfacenti in molti comparti, dal 2016 la situazione si è stabilizzata e il nostro ultimo barometro indica che la fiducia degli agricoltori sul loro futuro sta riprendendo quota rispetto agli anni precedenti – commenta Pekka Pesonen, segretario generale - dalla seconda metà del 2016 i prezzi dei prodotti base sono relativamente stabili, in particolare nel settore lattiero-caseario, ortofrutticolo e della carne suina. In alcuni casi anche con prezzi migliori rispetto a due anni fa”.

L'indice di fiducia della Copa Cogeca è calcolato due volte l'anno in base ai risultati di inchieste nazionali eseguite su un campione di oltre ottomila produttori.

In nove dei dieci Stati membri esaminati (Belgio, Danimarca, Germania, Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Romania e Svezia) i produttori risultano più ottimisti, anche se su piani differenti. Al contrario, la fiducia degli agricoltori britannici è diminuita. Dietro, sicuramente c’è la grave incertezza legata alla Brexit.

Non solo. Molti produttori continuano a sentirsi penalizzati dall'attuazione della Politica agricola comune (Pac) e dall'eccessiva burocrazia che comporta. Un altro fattore discriminante è la volatilità del mercato. Le recenti siccità, gelate e ondate di caldo in molte aree produttive dell’Unione Europea quest'anno potrebbero avere conseguenze su più settori produttivi.


a cura della Redazione

Altri articoli che potrebbero interessarti: