eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 31 marzo 2022


Kiwi cileno, le prospettive in Europa e l'incognita Iran

Anche la campagna del kiwi cileno sarà influenzata dal conflitto in Ucraina: un maggiore stock di kiwi in Europa sarà accompagnato da un calo dei consumi e un calo dei prezzi. A cui si aggiungono gli elevati costi marittimi che incidono sulle spedizioni a livello globale, una difficile disponibilità di container e un notevole aumento dei tempi di transito, ha affermato Carlos Cruzat, presidente del Comitato Kiwi Cileno.

"Attualmente la stagione europea dei kiwi è piuttosto avanzata, in uno scenario di maggiori stock di frutta, minori consumi e prezzi in calo. Fatti che sono influenzati dall'aumento dell'inflazione, dalla normalizzazione della vita con il Covid e dalla guerra tra Russia e Ucraina, che ha messo l'Europa e il mondo in una situazione di incertezza e cautela”, ha sottolineato.

"In Europa stiamo assistendo a uno sforzo per tornare al ritmo della vita prima del Covid, ma il mercato è influenzato dalle situazioni economiche dovute alla pandemia, che si stanno riflettendo in un minor consumo di frutta compreso tra il 6% e l'8%. Perché sembra che dare priorità al consumo di prodotti sani e con contributi al sistema immunitario stia cessando di essere una priorità. Ciò è in parte spiegato dall'aumento dell'inflazione, che ha reso i prezzi di frutta e altri prodotti più cari rispetto ai livelli storici. L'Europa ha registrato un aumento del costo del lavoro negli ultimi due anni, l'aumento dei prezzi degli input e dell'energia, oltre alla crescita del prezzo del petrolio e del trasporto merci", ha aggiunto il presidente del Comitato.

Riguardo al mercato dei kiwi in Europa, Cruzat ha svelato che "oggi in Europa c'è una maggiore scorta di frutta, un prodotto che la strategia locale è stata quella di vendere più lentamente e ottenere così prezzi migliori, che di fatto sta crollando. Al 28 febbraio c'era il 51% dello stock di kiwi italiano disponibile per la vendita, mentre l'anno scorso alla stessa data era il 40%, il che ci porta ad avere il 25% di frutta in più in stock, il che sta causando un rallentamento delle vendite. E probabilmente portando ad un allungamento della stagione, con prezzi in calo".

Ha anche specificato che alle sfide di questa stagione va aggiunta la guerra tra Russia e Ucraina. "Nel caso dei kiwi, i volumi che ogni stagione vengono inviati in Russia, che rappresentano il 5%, possono essere riallocati su altri mercati, ma ciò che preoccupa è come il mercato europeo potrebbe risentirne. La guerra sta generando prudenza nelle decisioni e prudenza nella spesa, motivo per cui questa sta già generando una redistribuzione di frutta che è stata inviata da varie origini ai paesi in conflitto e ai paesi ai margini come Polonia, Lituania, Repubblica Ceca, tra gli altri. Il frutto non viaggia più oltreoceano e il suo mercato è principalmente l'Europa".

Il professionista ha aggiunto che è importante considerare anche "i volumi della Turchia, e soprattutto la strategia che avrà l'Iran, che già produce 300mila tonnellate, più della Grecia o dell'Italia. I loro mercati sono la Russia, il Medio Oriente, i paesi dell'ex Unione Sovietica, il Pakistan e l'India, che avranno anche una maggiore pressione dalla frutta".

Per quanto riguarda la stagione cilena, ha osservato che sono previste quasi 155mila tonnellate di kiwi, con solidi solubili e materia secca molto buoni e una compattezza della polpa simile all'anno scorso. "Dato lo scenario attuale, riteniamo che le ultime offerte dall'Europa si sovrapporranno alle offerte iniziali dell'emisfero sud, cosa che è necessario considerare".

Carlos Cruzat ha indicato che non c'è dubbio che questa sarà una stagione difficile per l'industria cilena del kiwi, in cui sarà fondamentale una pianificazione adeguata basata sulla realtà del mercato. Per questo motivo, ha sottolineato che è importante considerare il monitoraggio costante del conflitto tra Russia e Ucraina per prendere decisioni, oltre a pianificare tenendo conto dell'aumento delle scorte, dei prezzi più bassi e della diminuzione dei consumi in Europa.

“Forse il punto più complesso da tenere a mente sono gli elevati costi marittimi e le difficoltà di spedizione e logistica portuale, che, peraltro, non dovrebbero diminuire, almeno quest'anno. Questi costi elevati avranno un impatto significativo sui risultati netti per i produttori".

Fonte: Simfruit


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: