eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 22 novembre 2013


CON LE ARANCE SICILIANE SI COSTRUIRANNO I PANNELLI FOTOVOLTAICI DEL FUTURO

Dagli agrumi nascerà energia fotovoltaica: non fantascienza, ma un progetto tutto made in Sicilia che prevede pannelli fotovoltaici realizzati con prodotti vegetali di scarto non fotovoltaico, un'energia, insomma, che viene dalle arance. Si chiama "Sagro" ed è un progetto di ricerca e sviluppo per la produzione di sistemi fotovoltaici realizzati con scarti di prodotti vegetali siciliani.
L'innovativo concept porta la firma del Dipartimento di Orto floro arboricoltura e Tecnologie agroalimentari della Facoltà di Agraria di Catania e del Dipartimento energia e trasporti di Messina del Consiglio nazionale delle ricerche, enti che hanno operato in partnership con le aziende siciliane JO Consulting, Ortogel e ANMR insieme alla ravennate TRE-Tozzi renewable energy, ditta con sede operativa a Enna. "Sagro" mira alla creazione di celle solari, foto-sensibilizzate con coloranti naturali, che saranno impiegate poi nei sistemi fotovoltaici.
L'utilizzo di pigmenti provenienti da scarti di prodotti vegetali comporta un notevole contenimento dei costi di produzione delle celle solari, ma anche l'innalzamento del livello medio di vita di un impianto (si supera la soglia dei 10 anni) e un conseguente effetto virtuoso che inevitabilmente si genererà: la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore agricolo e in quello chimico.
I pannelli possono essere utilizzati per tetti fotovoltaici e impianti a terra. Nel settore dell'edilizia sostenibile sono adeguati per chiusure verticali esterne trasparenti e contribuiscono a migliorare le qualità estetiche e funzionali degli edifici. Inoltre, le celle solari possono essere impiegate per ricaricare dispositivi portatili, come pc o telefoni cellulari, garantendo una durata di funzionamento più estesa e tempi di carica estremamente ridotti. Settori che, oggi, presentano tutti enormi potenzialità di sviluppo sul mercato.


Fonte: Corriere del Mezzogiorno


Altri articoli che potrebbero interessarti: