eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 27 febbraio 2019


Uk, l'Antitrust stoppa la fusione tra Asda e Sainsbury’s

Il "matrimonio" tra Asda e Sainsbury’s non s'ha da fare. Le due catene britanniche dovranno infatti prima vendere molti dei lori negozi, ma anche altre attività se intendono procedere con l’integrazione. Questa la conclusione, provvisoria, dell'Antitrust inglese - la Competition and markets authority (Cma), ndr - all'accordo di fusione annunciato da Asda e Sainsbury’s lo scorso maggio. Una operazione che farebbe nascere un gruppo da 51 miliardi di sterline di ricavi e 2.800 punti vendita.

Per Stuart McIntosh, presidente del gruppo d'inchiesta indipendente che sta conducendo l'indagine, ha sottolineato: "Per il momento abbiamo riscontrato che, nel caso in cui le due società si fondessero, i consumatori potrebbero imbattersi in prezzi più elevati, in una minore qualità e scelta e in un'esperienza di acquisto complessivamente più scarsa in tutto il Regno Unito".



Asda e Sainsbury’s avranno ora l'opportunità di rispondere, entro il 13 marzo, al parere provvisorio dell'Antitrust: "È nostra responsabilità eseguire una valutazione approfondita dell'operazione per garantire che il settore rimanga concorrenziale e che i consumatori non ci perdano", ha proseguito McIntosh.

Oltre alle preoccupazioni per i clienti di Asda e Sainsbury’s, l'Antitrust inglese ritiene che l'accordo di fusione possa far salire i prezzi e ridurre la qualità del servizio per i consumatori online. L'unica strada possibile, suggerita dalla Cma, è la "vendita di un numero significativo di negozi e di altre attività, includendo potenzialmente uno dei marchi Asda o Sainsbury's, al fine di ricreare la rivalità competitiva persa attraverso la fusione". La decisione finale sarà comunicata entro il prossimo 30 aprile.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: