eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 2 aprile 2014


FRUTTA NELLA GDO: A GENNAIO MELE E AGRUMI KO, VOLA IL PRODOTTO DI IMPORTAZIONE

Continuiamo l'analisi per le vendite di ortofrutta a gennaio nella GDO con il focus sul comparto frutticolo. Come già evidenziato nella newsletter del 25/03/2014, rispetto allo stallo del totale ortofrutta si nota un trend positivo per le orticole e, viceversa, vendite in contrazione per la frutta, con un accenno di deflazione.



Volendo trovare le principali cause di tali performance è sufficiente analizzare, nel ranking di vendite a valore per il mese, i primi tre prodotti della top ten di gennaio, "responsabili" da soli di quasi metà del venduto (49%): si scopre che per le mele e i principali agrumi le vendite sono in decremento sia a volume che a valore, anche in doppia cifra per questi ultimi. Scendendo nel ranking, troviamo buone performance per le banane, vendite in calo a valore per pere e kiwi e in aumento per i limoni con volumi, in generale, in stallo o in lieve calo.



Gennaio sembra però essere stato il mese della frutta di importazione, poiché le performance di uva, ananas e frutta esotica mostrano trend sempre a due cifre e al di sopra delle aspettativa anche più rosee (+20-35% a valore e +30-50% a volume). In ognuno dei tre casi si riscontra una forte deflazione, e probabilmente anche la diminuzione dei prezzi ha giocato un ruolo importante nell'aumento delle vendite. Resta il fatto che rispetto ai trend di dicembre (quando solo l'uva a volume aveva mostrato performance positive) il miglioramento è sensibile e può far ben sperare per il futuro.

Alfonso Bendi
Senior Marketing Specialist
alfonso@italiafruit.net


Copyright Italiafruit News



Altri articoli che potrebbero interessarti: