eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

giovedì 8 ottobre 2020


Fem, a Trento identificato il punteruolo dei cavoli

Gli esperti della fondazione Edmund Mach hanno identificato l’insetto che quest’anno ha causato seri danni alle coltivazioni di cavoli in Val di Gresta. Le analisi morfologiche e genetiche hanno confermato che si tratta di un coleottero curculionide appartenente alla specie Ceutorhynchus pallidactylus, un punteruolo che attacca tutti i tipi di cavolo, cavolfiore, verza


Una larva di Ceutorhynchus 

In stretto raccordo con il consorzio ortofrutticolo della Valle di Gresta, la Fem sta organizzando un gruppo di lavoro costituito da tecnici e ricercatori che, partendo dal monitoraggio in campo e dallo studio dettagliato del ciclo dell’insetto nel contesto climatico-ambientale trentino, possa arrivare a mettere a punto strategie a basso impatto per un’efficace gestione di questo parassita. Intanto i tecnici consigliano ai produttori di cavolo, cavolfiore o verza che riscontrassero questa problematica anche in altre zone della provincia di Trento, di segnalare al tecnico Fem di riferimento.


Un esemplare adulto di Ceutorhynchus 

Le prime segnalazioni risalgono al 2017, ma è nell’anno in corso che la problematica è emersa in maniera molto pesante. L’adulto depone le uova alla base delle foglie delle crucifere e le larve si nutrono a spese della pianta ospite, sulla quale completano il ciclo. Anche gli adulti contribuiscono al danno, erodendo la sommità dei cavoli e creando vistose gallerie che li rendono invendibili. 

“La presenza di punteruoli sulle crucifere  - spiegano i tecnici Fem - è nota da parecchio tempo in tutta Italia, ma in  Trentino  non ha mai destato grandi preoccupazioni. Non è ancora chiaro il motivo dell’incremento repentino della popolazione e al momento sembra che il problema interessi soprattutto gli appezzamenti gestiti con pratiche biologiche”. 

Fonte: Ufficio stampa Fondazione Edmund Mach


Altri articoli che potrebbero interessarti: