eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

Coronavirus mercoledì 11 marzo 2020


Covid-19 e cibo, le rassicurazioni dell’Efsa

Se ancora permaneva qualche dubbio, oggi arriva la rassicurazione dell’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa): al momento non ci sono prove che il cibo sia una probabile fonte o via di trasmissione del Coronavirus. Questa la conclusione a cui è arrivata l’autorità nell’ambito dei suoi studi sulla situazione relativa allo scoppio di Covid-19.

“Le esperienze di precedenti focolai di coronavirus correlati, come il coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (Sars-Cov) e il coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers-Cov), mostrano che la trasmissione attraverso il consumo di cibo non si verifica – spiega in una nota Marta Hugas, scienzata capo dell’Efsa - Al momento, non ci sono prove che suggeriscano che il coronavirus sia diverso in questo senso”.

Un’ulteriore conferma arriva dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) che afferma: “mentre gli animali in Cina erano la probabile fonte dell'infezione iniziale, il virus si sta diffondendo da persona a persona, principalmente attraverso le goccioline respiratorie generate dalle persone durante respirazione, tosse o starnuti”. 

Nonostante l’Efsa stia monitorando la letteratura scientifica relativa a Covid-19, l’autorità non è coinvolta nella risposta all’epidemia di Covid-19, dal momento in cui non sono stati segnalati casi di trasmissione attraverso il cibo.

Rimangono comunque valide le raccomandazioni espresse dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sulle buone pratiche igieniche durante la preparazione degli alimenti: è necessario lavarsi spesso le mani, cuocere bene la carne ed evitare contaminazioni tra cibi cotti e non cotti.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: