eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 13 ottobre 2020


Limoni, primi stacchi (spesso azzardati) in Sicilia

Le prime partite di limoni Primofiore di Sicilia che si stanno vedendo sul mercato nazionale riguardano le raccolte di impianti giovanissimi. I volumi disponibili sono dunque scarsissimi e rimarranno tali almeno fino ad inizio novembre, storica data di partenza della prima fioritura del limone. 

“In Sicilia alcune aziende stanno già azzardando alcuni stacchi del Primofiore. Ma è assolutamente fondamentale aspettare la prima settimana di novembre per avere prodotti maturi con una buona resa in succo. Anche le prime arance Naveline matureranno in quel periodo”, sottolinea a Italiafruit News Giuseppe Campisi, responsabile della produzione dell’Op Opac Campisi di Siracusa e coordinatore del Comitato Limone dell’organismo interprofessionale Ortofrutta Italia. 

L’estate particolarmente siccitosa, fra l’altro, ha stoppato la crescita vegetativa dei frutti, che si stanno iniziando ad ingrossare soltanto in questi giorni. “Il limone è una pianta intelligente, poiché quando il clima è caldo tende a produrre foglie per proteggere ed ombreggiare i frutti. Solo con temperature più basse, il prodotto comincia a maturare e ad aumentare la sua resa in succo”.


Limone Primofiore. Situazione vegetativa al 12 ottobre in Sicilia

“Mi preme ricordare - aggiunge - che il Primofiore non deve mai subire un processo di deverdizzazione, per evitare che possa perdere il contenuto di oli essenziali”.

A livello produttivo è prevista una buona annata, sicuramente migliore della precedente. “La produzione di Primofiore sulle piante è quantitativamente discreta - prosegue Campisi - e per ora notiamo anche una qualità eccellente. Ci si può aspettare una qualità migliore dell’anno scorso a patto che il clima, d’ora in avanti, non sarà penalizzante”.

In merito alle crescenti importazioni da Paesi extra-Ue, Campisi si unisce all’appello di Elena Aloisi Albertini (clicca qui per leggere il nostro articolo) volto all’istituzione da parte dell’Ue dell’obbligo del “cold-treatment” per i carichi importati dall’oltremare. “Non possiamo rischiare di importare in Italia malattie devastanti come la Citrus black spot, che possono distruggere la nostra intera agrumicoltura. Ritengo altresì corretto che venga armonizzato l’uso di fitofarmaci a livello europeo: il comparto italiano del limone - conclude - non può continuare a giocare ad armi impari con Spagna o Francia”.


Arance Naveline. Situazione vegetativa al 12 ottobre in Sicilia

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: