eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
Giugno o Settembre 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021

leggi tutto

Prandini (Coldiretti) giovedì 14 gennaio 2021


«Così l'ortofrutta italiana paga dazio a Madrid»

Il dumping fa male ai produttori italiani. Difficile vincere la sfida della competitività con gli spagnoli, quando le condizioni in terra iberica - dal costo del lavoro alle agevolazioni per le imprese - sono di ben altro tenore. E così l'ortofrutta italiana paga dazio a Madrid.

Ieri, in una lunga intervista al quotidiano ItaliaOggi, anche di questo ha parlato Ettore Prandini, presidente di Coldiretti. L'esempio preso in considerazione è quello delle clementine: si è visto tanto prodotto spagnolo, anche in Italia, ma gli agrumi tricolore sono rimasti in campagna e hanno spuntato prezzi molto bassi in questa campagna.

"Le cause son sempre quelle - ha argomentato Prandini - Chi si organizza nella logistica vince: la Spagna fa viaggiare le sue merci più velocemente. E le regole Ue non sono uguali per tutti; alcuni Paesi riescono a sostenere le loro filiere, altri non possono per problemi economici. L'Italia esporta ortofrutta per 5 miliardi di euro, la Spagna per 13. Ma qualche anno fa, la Spagna era a 4. Gli spagnoli dialogano di continuo con le catene distributive, hanno incentivi sul costo del carburante che in Italia non ci sono, usano fitosanitari vietati in altri Paesi: tutto ciò incide sull'offerta del prodotto".


Ettore Prandini allo Speciale Frutta&Verdura 2019

E gli spagnoli, poi, hanno accesso a mercati che gli italiani si sognano. Possono esportare pesche e nettarine in Cina per esempio. ?"Oggi, il mercato cinese chiede più cibo e di qualità. Ma Pechino non vuole più comprare alimenti all'estero - ha avvertito il numero uno di Coldiretti - intende produrli in Paesi sodali per poi portarli in Cina. Per questo, nei prossimi anni l'agroalimentare sarà il settore più a rischio se l'Europa non dovesse avere una visione d'insieme, ma dividersi in modo spezzettato tra differenti politiche nazionali. E per questo, linee guida, regole e sistemi contributivi dei singoli comparti devono essere uguali per tutti gli Stati: è inaccettabile che chi effettua meno controlli se ne avvantaggi sul mercato". ?

Come sistema-Paese, Prandini ha rivendicato il ruolo di Filiera Italia. "Serve a dialogare fra i settori produttivi: per la prima volta parte agricola e industria dialogano con la Gdo per distribuire valore lungo la filiera - ha ribadito sulle colonne del quotidiano economico - Nello stesso tempo, l'azione di rappresentanza avviene sui tavoli più alti per le rispettive competenze, a livello regionale e nazionale. A questo va affiancata un'efficace lobbying a livello europeo, verso gli Stati in condizioni e situazioni simili alle nostre. L'obiettivo è crescere. Attenzione: nonostante le difficoltà del 2020 l'agroalimentare chiude in calo, ma comunque in positivo sull'export. Questo dato deve far riflettere in vista delle scelte di rilancio del Paese".?

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: