eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 20 aprile 2020


«Per la prima volta l’Europa parla di Mercati»

La richiesta di Italmercati all'Europa di riconoscere ai Mercati all'ingrosso un ruolo essenziale, centra l'obiettivo. Il Partito Popolare ha infatti realizzato un'interrogazione alla Commissione Europea perché si "riconosca il nuovo ruolo assunto dai Centri logistici all’ingrosso negli ambiti economico, ambientale e occupazionale all’interno della visione strategica europea", chiedendo "quale posizione tali centri polifunzionali possano rivestire nel framework della nuova Politica Agricola Comune".

Un'interrogazione firmata da Salvatore De Meo, Silvio Berlusconi, Massimiliano Salini, Antonio Tajani, Fulvio Martusciello, Aldo Patriciello, Herbert Dorfmann. 

"Italmercati  ha voluto intraprendere questa battaglia  per il riconoscimento del ruolo di tutti i Mercati italiani,  non solo di quelli che fanno parte della squadra Italmercati, nonché dei mercati europei - sottolinea il presidente Fabio Massimo Pallottini alla notizia dell’interrogazione del Partito Popolare europeo in merito al ruolo dei Mercati all'Ingrosso in Europa -. Il nostro obiettivo non è ad esclusivo appannaggio degli iscritti e quindi auspichiamo che ogni Associazione di settore di riferimento si unisca a noi nella condivisione del principio ispiratore della lettera aperta. Ci sono Mercati italiani che per diversi motivi non sono ancora in Italmercati ma che comunque, per quello che fanno e rappresentano, li consideriamo in rete con noi”. 

La scorsa settimana Pallottini aveva scritto una lettera aperta alla Ue per ricordare come "i Mercati all’Ingrosso d’Europa hanno dimostrato, in tutta la loro forza, il ruolo di fondamentale, essenziale presidio per la distribuzione del prodotto fresco. Gli operatori hanno continuato a lavorare nonostante l’esposizione al rischio di contagio tenendo in piedi non solo la filiera tradizionale ma anche la produzione locale, che diversamente avrebbe rischiato di scomparire. Superata questa situazione, ai Mercati all’Ingrosso dovrà essere riconosciuta, senza più ombra di dubbio, la propria funzione". 

La risposta è arrivata prima con una lettera (la versione integrale al termine dell'articolo) dove gli stessi firmatari dell'interrogazione, deputati del Partito Popolare Europeo, scrivono a Pallottini sottolineando come " il  ruolo dei Mercati all’ingrosso - divenuti nel frattempo moderni e funzionali Centri logistici di approvvigionamento e smistamento delle produzioni agricole europee ed extra UE - risulta fondamentale per il sistema Europa;  in questo momento di crisi hanno dimostrato di essere un pilastro non solo economico, ma anche sociale, in ragione del loro ruolo strategico e funzionale verso l’intera popolazione. Siamo perfettamente d’accordo con quanto riportato nella sua lettera e per questo le confermiamo la nostra disponibilità a condividere ogni utile azione affinché il ruolo del Mercati-Centri agroalimentari all’ingrosso venga ulteriormente definito e rafforzato nei vari livelli legislativi". 

A seguire è arrivata la conferma dell'interrogazione. Quindi il rilancio di Antonio Tajani, nella sua qualità di vice presidente di Forza Italia, che con un post su Facebook ha annunciato che " abbiamo presentato un'interrogazione alla Commissione Ue per dare maggiori risorse ai Centri logistici all'ingrosso, che con grandi sforzi e sacrifici hanno garantito anche in questo periodo d'emergenza sanitaria il cibo sulle nostre tavole. La nostra battaglia a difesa delle eccellenze italiane passa anche per la salvaguardia di queste grandi piattaforme di distribuzione, le uniche in grado di garantire cibo fresco e di qualità, direttamente dal produttore al consumatore". 

Da quando i Mercati si presentarono uniti come Wuwm in Commissione Agricoltura Europea per presentare i 15 emendamenti alla Pac in nome e per conto dei Mercati Mondiali all’Ingrosso, il mondo e di conseguenza l’Europa, sono cambiati non poco. 

"Con questa interrogazione l'Europa dimostra di voler affrontare il tema del ruolo dei Mercati all'ingrosso nella nuova Politica Agricola Comunitaria - conclude Fabio Massimo Pallottini -. Voglio ringraziare il primo firmatario di questa interrogazione, l'eurodeputato Salvatore De Meo, insieme a tutti gli altri firmatari,  per la loro attenzione e per aver sottolineato la nostra funzione di pilastro non solo economico, ma anche sociale, per le attività garantite verso l’intera popolazione. I Mercati all’Ingrosso sono pronti a rispondere all’appello come shareholder del rigenerato sistema economico europeo". 

Di seguito, la lettera in versione integrale dei firmatari dell'interrogazione.

Egregio Presidente, 
 
abbiamo letto con attenzione la Sua lettera aperta in merito alle difficoltà che la filiera distributiva e agroalimentare sta attraversando a seguito della straordinaria crisi dovuta dal contagio da Covid-19. Molti settori dell’economia sono stati interessati – in alcuni casi compromessi seriamente - e tra questi il settore Agroalimentare si è certamente contraddistinto per essersi comunque fatto carico di esporsi a rischi e sacrifici per il bene della collettività.  
 
Non si può infatti non ribadire il ruolo essenziale avuto dagli Operatori e dai lavoratori dei Mercati all’ingrosso che anche nei momenti più difficili ci hanno garantito, con la loro quotidiana dedizione, il normale e regolare approvvigionamento dei prodotti agricoli, evitando in tal modo che la crisi sanitaria si trasformasse anche in dramma sociale. 
 
L’Unione Europea, a cui è rivolto il Suo appello, si sta muovendo in maniera concreta, anche se a volte i tempi ed i tecnicismi di questa enorme democrazia hanno alimentato dubbi e perplessità. In qualità di Membri della delegazione Italiana del Partito Popolare presso il Parlamento Europeo abbiamo condiviso la sollecitazione alla Commissione di interventi urgenti e straordinari e stiamo partecipando alla definizione delle misure di emergenza da mettere in campo per le imprese del settore.  
 
Grazie a questo lavoro corale e sinergico i vari settori della nostra economia stanno ricevendo le prime risposte dall’Unione europea adeguate alle loro legittime aspettative. 
 
Il ruolo dei Mercati all’ingrosso - divenuti nel frattempo moderni e funzionali Centri logistici di approvvigionamento e smistamento delle produzioni agricole europee ed extra UE – risulta fondamentale per il sistema Europa e in questo momento di crisi ha dimostrato di essere un pilastro non solo economico, ma anche sociale, in ragione del suo ruolo strategico e funzionale verso l’intera popolazione.  
Nel dinamico processo di trasformazione della distribuzione commerciale i Mercati all’ingrosso, anzi i moderni Centri agroalimentari, conservano la loro identità e si configurano come strumenti di difesa e valorizzazione delle numerose produzioni agricole di qualità che nelle strategie europee devono rappresentare un valore aggiunto della Politica Agricola Comunitaria in corso di nuova programmazione. 
 
E in questo senso, proprio i Mercati all’ingrosso dovranno sempre più svolgere una funzione strategica di “green hub” logistici regionali di concentrazione delle produzioni e di distribuzione di prossimità per il consumatore, ridando valore al produttore e riducendo la produzione di CO2 generata dal tentativo di monopolizzare su base nazionale il prodotto agricolo per poi redistribuirlo regionalmente.   
 
Siamo perfettamente d’accordo con quanto riportato nella Sua lettera e per questo Le confermiamo la nostra disponibilità a condividere ogni utile azione affinché il ruolo del Mercati-Centri agroalimentari all’ingrosso venga ulteriormente definito e rafforzato nei vari livelli legislativi e La informiamo che presenteremo un’interrogazione alla Commissione Europea e all’attenzione del Commissario all’agricoltura Janusz Wojciechowski affinché si tenga conto di tale ruolo nella nuova Politica Agricola Comunitaria e nella strategia “from farm to fork” quale strumento di connessione  tra ambiente, produzione e consumatore.   

Con l’intendimento di poterla presto incontrare, le invio i miei distinti saluti. 
 
Salvatore De Meo 
Antonio Tajani 
Herbert Dorfmann 
Massimiliano Salini 
Fulvio Martusciello 
Giuseppe Milazzo  
Aldo Patriciello 

Fonte: Ufficio stampa Italmercati 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: