eventi
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
INTERPOMA CHINA
Shanghai
15-17 Aprile 2019
THINK FRESH 2019
Rimini
7 Maggio 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019

leggi tutto

martedì 29 gennaio 2019


L'ortofrutta Conad cresce, ecco i numeri

Oggi il 34% delle vendite di frutta e verdura di Conad, secondo gruppo più importante della Gdo italiana, è a marchio del distributore (Mdd). Tre sono i brand: Conad Percorso Qualità (29,5% di quota) caratterizza prodotti con certificazione di filiera che garantiscono freschezza, sicurezza e salubrità; Sapori e Dintorni Conad (2,5%) valorizza le eccellenze tipiche italiane e, infine, Verso Natura Conad (2%) comprende prodotti bio, ecologici, del commercio equo-solidale e per vegetariani e vegani.

"La Mdd è l'elemento caratterizzante di tutta la nostra offerta, pertanto contiamo di svilupparla”, dice a Italiafruit News Gianmarco Guernelli, responsabile ortofrutta di Conad. "Nel 2018 ifatturato di Percorso Qualità è aumentato dell'11% sul 2017; Sapori e Dintorni registra un trend stabile, mentre Verso Natura ha triplicato il giro d'affari".

"Sui prodotti a marchio, in particolare, stiamo facendo un lavoro non banale per elevare ulteriormente la qualità reale e i contenuti di servizio delle referenze ortofrutticole. Un lavoro focalizzato sulla selezione di fornitori che operano in zone vocate, di specialisti e di aziende che seguono processi evoluti di produzione e di lavorazione, con la volontà di premiare chi lavora bene".


Gianmarco Guernelli

Per il 2019, Conad vuole continuare ad aumentare il fatturato dell'ortofrutta a rete omogenea, come ha già fatto nel corso del 2018. "L’organizzazione Conad, formata da soci, cooperative e consorzio, l'anno scorso ha incrementato gli acquisti di frutta e verdura dell’1,8% a volume e del 3,3% a valore. Siamo riusciti a crescere in un anno in cui le condizioni climatiche sfavorevoli (inverno mite, primavera ed estate piovose) hanno penalizzato sia i consumi sia la qualità dell'ortofrutta".

"In generale - conclude Guernelli - veniamo da un quadriennio 2015/18 estremamente positivo: dal 2015, anno in cui è cambiato il direttore freschissimi e il responsabile ortofrutta, abbiamo adottato nuove politiche commerciali, razionalizzando le attività secondo specifiche linee guida condivise dall’intero sistema, attraverso le quali stiamo costruendo il nostro successo".



Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: