eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019

leggi tutto

mercoledì 19 dicembre 2018


«Agrumi, prezzi elevati e destinati a salire ancora»

Gennaio sarà la prova del nove, ma intanto i prezzi degli agrumi stanno viaggiando su valori elevati. Come spiega a Italiafruit News l'imprenditore agrumicolo siciliano Enzo Cottone, ieri mattina nella Piana di Catania il Tarocco in campagna era acquistato sopra i 50 centesimi il chilo. "E da quel che si dice pare che a gennaio i prezzi aumenteranno ancora", aggiunge il socio di Agricola Srl, società che produce agrumi sia biologici che convenzionali in Sicilia (a Lentini e Palagonia) e che è presente con un proprio stand al Mercato ortofrutticolo di Cesena.



I prezzi alti alla produzione sono ovviamente legati agli effetti del maltempo, che ha ridotto i volumi commercializzabili di arance. "La produzione totale sarà inferiore di un 40-50% rispetto alla campagna scorsa - aggiunge Cottone - Il prodotto immesso sul mercato è buono: calibro importante, grado Brix apprezzabile, la campagna è partita con anticipo e le piante più scariche hanno conferito ottime qualità agli agrumi".



Sulla piazza di Cesena è presente Daniele Di Mauro, l'amministratore di Agricola (nella foto di apertura). "I prezzi variano a seconda della tipologia e della qualità, ma mediamente sono alti e destinati a crescere: quest'anno in campagna si compra a peso e non a giardino. I prezzi alti, tuttavia, non aiutano nessuno: all'ingrosso vediamo che le vendite del Tarocco ancora non decollano, si fa fatica a vendere. Anche per le arance bionde i valori sono alti: Navel a 40 centesimi sulla pianta non è comune".



Situazione differente per i limoni. I volumi ci sono e le quotazioni si sono ridotte rispetto all'anno scorso. "Attualmente il Femminello siracusano, con il primofiore, è venduto a 0,80 euro il chilo quando dodici mesi fa i prezzi viaggiavano sull'1,50 euro il kg - conclude Di Mauro - Per il prodotto biologico c'è un differenziale di 10/20 centesimi il kg".

Copyright 2018 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: