eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

mercoledì 11 luglio 2018


Ecco la macchina che firma la lavorazione con la blockchain

Da oggi i macchinari e le linee di processo del gruppo veneziano Turatti sono in grado di registrare in tempo reale, su piattaforma blockchain, i diversi passaggi ai quali è sottoposto il prodotto ortofrutticolo.
Il gruppo di Cavarzere (Venezia), leader mondiale nella produzione di macchinari per la trasformazione alimentare, e la start-up padovana Ez Lab (che è specializzata nello sviluppo di soluzioni che usano la blockchain per il nostro settore) hanno, infatti, presentato in anteprima mondiale negli Stati Uniti il primo esempio di lavorazione degli alimenti conforme a questa tecnologia 4.0.

Il palcoscenico statunitense non è casuale: intanto Turatti North America ha sede a Salinas (“l’insalatiera degli Stati Uniti”) dove nel 2017 Ez Lab ha partecipato a un programma promosso dalla piattaforma Thrive AgTech, il più grande acceleratore mondiale nell’ambito dell’agrifood. In più, le aziende hanno sfruttato la concomitanza di due importanti eventi del settore, quali la fiera United Fresh a Chicago e il Forbes AgTech a Salinas.




“Con Ez Lab, e attraverso Thrive di cui siamo finanziatori e partner, abbiamo nuovamente rivoluzionato il food processing e creato una soluzione nel nome della sicurezza alimentare, dell’efficienza e della filiera Farm to Fork - dice Alessandro Turatti, presidente e Ceo - L’azienda che adotta il nostro macchinario può offrire al mercato una nuova garanzia in termini di sicurezza alimentare, perché la tecnologia blockchain consente di certificare tutti i passaggi e le fasi di lavorazione cui è stato sottoposto ogni singolo lotto. Una certificazione che può essere esibita come elemento di garanzia e prova in caso di eventuali contestazioni relative alla sicurezza del prodotto”.

D’altra parte, il tema della sicurezza alimentare sta diventando centrale, i consumatori sono sempre più attenti a questo aspetto che determina le loro scelte d’acquisto. “L’applicazione della tecnologia blockchain alle soluzioni di processo Turatti si integra efficacemente anche con AgriOpendata, la nostra piattaforma per la tracciabilità della filiera che – conclude Massimo Morbiato, founder Ez Lab - consente ai consumatori di conoscere tutti i passaggi dal campo allo scaffale del supermercato”.

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: