eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 10 luglio 2017


Consorzio patata della Sila Igp: l'accordo Ceta? Un pericolo

Il Consorzio di tutela patata della Sila Igp rileva con estremo disappunto la ratifica, da parte del Parlamento Italiano, del trattato Ceta tra Canada e Ue.

"Tale trattato - precisa Sandro Scrivano, presidente del Consorzio di tutela - rappresenta un grave pericolo per la nostra regione, poiché consentirebbe l'imitazione del nostro prodotto che potrà essere realizzato sul territorio canadese da aziende autorizzate a produrre e a commercializzare in tutto il mondo, rappresentando quindi un caso emblematico di sfruttamento ingiusto delle denominazioni di origine. Pertanto appoggiamo la battaglia che sta portando avanti con forza Coldiretti insieme ad altre organizzazioni come Cgil, Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food, Federconsumatori e Fair Watch, affinchè non si realizzi la concorrenza sleale e l'inganno ai consumatori con prodotti di imitazione che nulla hanno a che fare con quelli provenienti dalle zone di origine vere".

"Non vogliamo - prosegue il presidente - che venga pregiudicato e reso inutile il grande lavoro di valorizzazione e promozione del prodotto, portato avanti grazie ad enormi sacrifici e importanti investimenti che il nostro Consorzio e i nostri produttori stanno facendo. Non si può permettere che il settore agroalimentare nazionale, ed in particolare calabrese, possa essere considerato merce di scambio per portare avanti trattative internazionali senza considerare l'impatto che tali politiche potrebbero avere in termini di involuzione economica, occupazionale e di sicurezza alimentare". 


"Il nostro prodotto vale oggi sul mercato oltre quattro milioni di euro, ha una crescita esponenziale ogni anno, e supponiamo che per effetto del Ceta tale sviluppo possa subire un brusco rallentamento, vanificando tutti gli investimenti che sono stati posti in essere per sostenere l'evoluzione del comparto".

"Si ricorda - conclude Scrivano - che la Calabria è l'ottava regione per numero di prodotti tutelati e nessun prodotto calabrese riceverà protezione nel Canada. Infatti nell'elenco, dove figurano solo 41 nomi, non troviamo nessuna denominazione nostrana e la conseguenza è che non saremo protetti dalla contraffazione e si avranno con buona probabilità prodotti di bassa qualità sui nostri mercati e, soprattutto, molto meno sicuri da un punto di vista sanitario".

Fonte: Consorzio di tutela Patata della Sila Igp


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: