eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 22 novembre 2016


Airbnb dalle case alle esperienze: una chance per il settore

A caccia di tartufi in Toscana. Un'attività concreta e possibile con Airbnb, colosso mondiale nel settore dell'affitto online di case per vacanze, attraverso la nuova piattaforma Trips, presentata nei giorni scorsi a Los Angeles.

Alla base dell'innovativo servizio, ci sono esperienze di vita personali che possono insegnare e dare al viaggio un tocco di magia. Così, si può andare a Firenze da Giulio, che è un esperto cercatore di tartufi e condividere con lui tutti i suoi segreti, le sue storie, le sue passioni. Valori personali importanti da "coltivare" per fare proprie le conoscenze più concrete e vitali di un determinato territorio.

Ma su Trips c'è davvero l'imbarazzo della scelta. Si può selezionare la vacanza da una lista di 500 proposte a seconda delle mete di destinazione che, per ora, sono 12 (per l'Italia solo Firenze) ma diventeranno 51 entro il 2017. A Los Angeles, per esempio, si può "surfare" con Quinn; a Miami si può imparare a creare musica elettronica con Elisabeth, mentre a Londra Martina, che produce cappelli artigianali, può fare vedere i suoi processi di manifattura.

Dietro le quinte di Trips c'è, quindi, una sorta di "mondo nuovo" che rimette al centro l'uomo e suoi saperi e che rende possibili i desideri più strani e impensabili dei cittadini del mondo. Tutti possono riuscire a diventare host e, vista l'ascesa mondiale di Airbnb, è prevedibile uno sviluppo futuro importante della nuova piattaforma in diverse città italiane. Anche in ottica ortofrutticola, perché il cibo è uno dei pilastri portanti di Trips. Per gli imprenditori agricoli italiani, storicamente affabili e ospitali, nel rispetto della nostra migliore tradizione contadina, si potrebbe quindi aprire una grande e romantica opportunità di visibilità. Portare i turisti in cascina, farli partecipare ai lavori manuali e assaporare i prodotti tipici appena raccolti, presto potrebbe essere realtà. I più giovani, poi, con il favore dei loro genitori, potranno "viaggiare" anche con la mente imparando a scoprire il ritmo della campagna.

Dopotutto, lo scenario globale richiede (fortunatamente) un mondo digitale in grado di orientarsi verso la vita reale, facilitandola, migliorandola e arricchendola. Le piattaforme web nate negli ultimi anni per soddisfare nuovi bisogni di condivisione collegati all'agricoltura e al cibo sono in piena diffusione, soprattutto in Italia. Basta pensare alla popolarità raggiunta da Wwoof, che offre vitto e alloggio gratuiti in cambio di piccoli aiuti nelle attività delle aziende agricole, o da L'Alveare che dice Sì!, rete online di agricoltori e consumatori che, una volta a settimana, s'incontrano in un luogo prestabilito per scambiarsi prodotti agricoli locali e di stagione. Esperienze, queste, che ci indicano a chiare lettere il bisogno delle persone di volersi riappropriare di un rapporto diretto con la figura del produttore, la quale oggi è favorita da una buona reputazione su scala mondiale. Non ci resta che aspettare, dunque, il primo host di Trips al 100% ortofrutticolo.

Copyright 2016 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: