eventi
GLOBAL BERRY CONGRESS
Rotterdam (Olanda)
27-29 Marzo 2017
FRESH PRODUCE INDIA
Mumbai
27-28 Aprile 2017
FRUIT&VEG INNOVATION
Milano
8-11 Maggio 2017
MACFRUT 2017
Rimini
10-12 Maggio 2017

leggi tutto

martedì 20 ottobre 2015


Biolchim, prodotti per la nutrizione post raccolta

La fase post-raccolta, in cui spesso la fertilizzazione della coltura viene trascurata, si caratterizza per l'accumulo dei nutrienti negli organi di riserva (radici, tronco, legno) e, in alcune specie, per il completamento della differenziazione delle gemme. Le sostanze di riserva accumulate dopo la raccolta vengono rimobilizzate dalla pianta alla ripresa vegetativa ed utilizzate per la formazione dei germogli. L'uniformità e la regolarità del germogliamento primaverile dipendono quindi anche dalla quantità di sostanze immagazzinate in autunno che, se insufficiente, porta ad un germogliamento scarso ed irregolare che determina fenomeni di alternanza produttiva. La concimazione post-raccolta garantisce il ripristino degli ottimali livelli dei nutrienti e costituisce il presupposto per una produttività regolare.

Biolchim, azienda leader nel settore dei fertilizzanti speciali, ha creato Nutri-Gemma B-Zn, mix di microelementi specifico per la concimazione autunnale, e Phosfik Cu®, specialità per l'applicazione fogliare ricca in rame per prevenire le microcarenze dal periodo post-raccolta. L'efficacia dei prodotti Bilolchim è provata dai risultati della sperimentazione su larga scala che un team di biologi, agronomi e tecnici svolge costantemente in tutto il mondo grazie al progetto WIN, una rete di collaborazioni internazionale volta a creare innovazione e a portare prontamente sul mercato prodotti efficaci e testati.
 
Dalla ripresa vegetativa fino alla fioritura, l'assorbimento dei nutrienti è modesto: l'accrescimento delle foglie e dei germogli avviene a spese delle sostanze di riserva accumulate negli organi legnosi durante l'autunno precedente. Concimazioni primaverili precoci non influiscono in maniera significativa sulle risorse nutritive sfruttabili nelle prime fasi del ciclo colturale. Occorre quindi prevenire le microcarenze che si manifestano al germogliamento, a cui la pianta non sarebbe in grado di sopperire in primavera, con un'adeguata concimazione autunnale.
 
Boro e zinco sono i microelementi che giocano un ruolo chiave nella formazione e differenziazione delle gemme nella fase post-raccolta e, in particolare lo zinco, alla di ripresa vegetativa (promotore di crescita). Nutri-Gemma B-Zn, da impiegarsi alla dose di 2-3 L/ha, garantisce l'accumulo proprio di questi elementi nutritivi poiché apporta elevate quantità di boro (5%) e zinco (5%), come pure di microelementi in grado di contribuire alla nutrizione delle gemme nel periodo autunnale, favorire l'ottimale formazione degli organi fiorali e consentire alla pianta una pronta ripresa vegetativa ed una migliore fioritura e allegagione, a garanzia di una spiccata riduzione della cascola. Anche il rame è un microelemento essenziale per il completamento del ciclo vitale della pianta, poiché è implicato nella produzione di fiori e semi fertili. Carenze di rame si possono evitare con l'applicazione in post-raccolta di Phosfik® Cu, che contiene il 4% di Cu, alla dose di 2 L/ha.

Fonte: Ufficio Stampa Biolchim


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: