eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 9 luglio 2013


MERCATO ORTOFRUTTICOLO DI GENOVA: RESOCONTO DETTAGLIATO DELL’INCONTRO CON LA DELEGAZIONE TUNISINA

Il Mercato Ortofrutticolo di Genova come piattaforma logistica del prodotto tunisino per tutti gli altri mercati italiani. E' questo l'obiettivo strategico emerso nel corso della tavola rotonda organizzata presso la struttura genovese in occasione della visita della delegazione di esportatori di ortofrutta della Tunisia (Cfr. Italiafruit del 5 luglio 2013), con la presenza di un dirigente di GIFruit, l'associazione dei produttori ortofrutticoli tunisini e di due rappresentanti del Cepex, l'ente per la promozione dell'export della Tunisia.
"In molti mercati si trovano prodotti tunisini - ha spiegato Walid Gaddas, managing director di Alyssa Fruits - ma spesso non se ne conosce la provenienza. Con questo incontro abbiamo gettato le basi per far diventare Genova il punto di riferimento del commercio del prodotto tunisino anche sviluppando un servizio di groupage in grado di servire non solo il mercato genovese".
Il prodotto interno lordo del Paese nordafricano, cresciuto del 3,3% nel 2012, mantiene lo stesso trend di crescita nel primo semestre di quest'anno. L'agricoltura ha un peso importante nell'economia tunisina rappresentando più del 15% del Pil e coinvolgendo circa il 23% della popolazione attiva. L'ortofrutta è una risorsa particolarmente importante: infatti, la Tunisia è il primo esportatore mondiale di datteri e ha interessanti produzioni di agrumi, frutta estiva precoce, verdure, patate ed una importante produzione biologica che si estende alle erbe aromatiche. L'Italia è al terzo posto tra i Paesi destinatari della frutta tunisina, che viene principalmente indirizzata sul mercato francese.
"In questi anni abbiamo lavorato a fondo per trasformare i mercati italiani in vere e proprie piattaforme logistiche, ha confermato Ottavio Guala, presidente di Fedagromercati. Gli operatori genovesi hanno investito e ora sono pronti a raccogliere queste nuove occasioni commerciali. Il Mercato di Genova può giocare un ruolo fondamentale nello sviluppo dei rapporti commerciali con la Tunisia".
D'altra parte la struttura può contare su una struttura snella, frutto di una felice collaborazione tra pubblico e privato. "Oggi a Genova possiamo veramente parlare di un Centro Agroalimentare in grado di rappresentare tutta la città come una vera e propria porta del Mediterraneo per il settore dell'ortofrutta, ha sottolineato Francesco Oddone, assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Genova. Il coordinamento efficace tra la parte privata e la parte pubblica permette di dare risposte immediate alle nuove esigenze che la clientela sviluppa. Questo canale aperto con gli operatori tunisini rappresenta un'occasione da non perdere".



La Tunisia si pone sempre più come un interlocutore credibile con molte opportunità. "Nel settore ortofrutticolo abbiamo una situazione favorevole, ha illustrato Kaouther Ghanouchi Trabelsi, direttrice dell'ufficio di Milano del Cepex. C'è una forte disponibilità di terreni privati e pubblici che forniscono opportunità per la diversificazione della produzione agricola, nonché condizioni climatiche favorevoli e una grande ricchezza d'acqua. I numeri dell'esportazione di frutta e verdura sono stati in forte crescita in questi ultimi dieci anni: verso l'Italia sono praticamente raddoppiati, ma gli spazi sono ancora molto ampi".
Tra i tanti punti favorevoli ad un forte sviluppo degli scambi c'è indubbiamente la tempistica. "E' stato un incontro di grande interesse - ha spiegato Nino Testini, vicedirettore di SGM (Società Gestione Mercato) - perché abbiamo capito come i tempi di trasferimento delle merci siano rapidi e, quindi, in grado di rispettare le esigenze dei nostri operatori. Ora occorre un tavolo di lavoro in grado di mettere a fuoco tutte le opportunità in modo da avviare al più presto la parte operativa".



Le conclusioni sono state affidate a Cesare Rè, presidente di SGM, che ha sottolineato come la realtà del Mercato Ortofrutticolo di Genova "è frutto della proficua collaborazione, iniziata alcuni anni fa, tra il Comune di Genova e gli operatori economici del settore agroalimentare, che si sono posti un obiettivo comune di consolidamento e di crescita dei volumi commerciali. La professionalità e le competenze delle aziende che si sono incontrate in questi giorni sono una sicura garanzia perché questo sia il primo tassello di una forte e proficua collaborazione".

Clicca qui per vedere tutte le foto del convegno e della visita della delegazione tunisina messe a disposizione dal Mercato Ortofrutticolo di Genova.

Fonte: Mercato Ortofrutticolo Genova
  


Altri articoli che potrebbero interessarti: