eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

lunedì 19 ottobre 2020


Agromafie e caporalato, i numeri del rapporto

Sono 180mila i lavoratori in agricoltura in Italia particolarmente vulnerabili e quindi soggetti a fenomeni di sfruttamento e caporalato. E' uno dei dati che emerge nel V Rapporto Agromafie e caporalato dell'Osservatorio Placido Rizzotto/Flai Cgil, presentato questa mattina, che fotografa con nuovi parametri rispetto alle passate edizioni, lo sfruttamento lavorativo a 360 gradi degli ultimi due anni nel settore agroalimentare.

Concentrato su diversi aspetti che offrono una visuale sfaccettata del fenomeno, il Rapporto evidenzia luci e ombre delle ultime disposizioni normative a partire dalla legge 199/2016 contro il caporalato. Per comprenderne l'efficacia, sono stati analizzati 260 procedimenti penali riguardanti tutti i settori, da cui emerge come lo sfruttamento non si concentri nel Meridione, visto che 143 non riguardano il Sud Italia.

Il Veneto e la Lombardia, infatti, con le Procure di Mantova e Brescia, sono le Regioni che seguono più procedimenti; così le Procure dell'Emilia-Romagna e quelle del Lazio, Latina al primo posto, nonché della Toscana con Prato. Tra i procedimenti esaminati l'agricoltura è il settore più rappresentato con 163.

Il Rapporto ha poi indicato in 12 euro l'ora il salario minimo da erogare per soddisfare il giusto reddito del datore di lavoro e allo stesso tempo non penalizzare/sfruttare il lavoro delle maestranze occupate. Si tratta di una somma per le attività di raccolta e non per le mansioni più professionalizzate, che dovrebbe permettere, anche in base a verifiche, di ridurre progressivamente lo sfruttamento che si concentra nelle prime fasi della filiera, quella dove l'impiego dei caporali trova la sua massima e ampiamente distorsiva funzionalità.

“Un Calendario delle colture e dei relativi fabbisogni di lavoro  agricolo,  per garantire: alle imprese la manodopera di cui hanno bisogno e ai lavoratori un contratto regolare: un vero e proprio Osservatorio del fabbisogno agricolo, per cui abbiamo stanziato 150mila euro complessivi per il triennio 2020-2022 attraverso il riparto dei fondi del Mipaaf.” Così la ministra Teresa Bellanova nel corso della presentazione del V Rapporto Agromafie e Caporalato curato dall’Osservatorio Placido Rizzotto. “È la prima volta, ci tengo a dirlo, che il Ministero impegna risorse direttamente per uno studio con queste finalità del mercato del lavoro agricolo e per la prevenzione del caporalato”, ha voluto sottolineare la ministra. “Un aggiornamento dei fabbisogni indispensabile, per la cui redazione abbiamo avviato un lavoro con il Crea al fine di costruire un primo impianto da condividere con le organizzazioni agricole e poi aggiornare di anno in anno”.

Fonte: Ansa


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: