eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 23 ottobre 2019


Il piano di Ergon (Despar) dopo le acquisizioni in Sicilia

Si guarda al futuro sulla base dei recenti cambiamenti. Nell’ambito dei lavori di programmazione economica per il 2020, sulla base del piano industriale 2019-2022, il gruppo Syneos traccia una panoramica su Ergon, la Consortile del gruppo, concessionaria del marchio Despar in Sicilia, oltre che dei marchi Ard Discount e dei Cash & Carry Altasfera.

Le acquisizioni
Nel corso dello scorso anno, infatti, Ergon ha gestito tre operazioni strategiche per lo sviluppo sull’Isola: prima di tutto ha preso in carico la gestione commerciale dell’insegna Ard Discount, con l’obiettivo di rinnovare e ampliare le prospettive del canale discount sul territorio siciliano. In parallelo ha acquisito, attraverso Medial Franchising, 36 punti di vendita, tra supermercati e discount, oggi tutti operativi sotto le insegne Ard Discount, Despar ed Eurospar. Infine, tramite la controllata Alioto spa, Ergon ha acquisito 26 strutture (2 Eurospar e 24 Ard Discount) attraverso la fusione con la Palermo Discount.

Gli investimenti
Nell’immediato, gli investimenti legati alle operazioni del 2018, stando a quanto sottolinea l’azienda, “pur generando impatti negativi sul bilancio d’esercizio dell’anno di competenza (-877mila euro), hanno aperto nuove opportunità di mercato che si sono concretizzate già nell’esercizio 2019: 57 milioni in più di vendite (+15%) con un margine in crescita di 20 milioni (+21,6%) e un incremento del margine operativo lordo”. E ancora: “Gli impatti negativi sono stati ridotti grazie all’immissione di finanza in Ergon, per oltre 6,5 milioni di euro, da parte dei soci della capogruppo Syneos consolidando le premesse per il conseguimento degli obiettivi previsti dal piano industriale con orizzonte al 2022”.

Fonte: Gdo Week 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: