eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
MACFRUT 2022
4-6 Maggio 2022
Rimini
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

martedì 21 settembre 2021


Radicchio di Chioggia in picchiata

Prezzi in calo e "pericolosamente" vicini ai costi di produzione per il radicchio: questa l'analisi di Giuseppe Boscolo Palo, responsabile del Mercato di Chioggia e presidente del consorzio di tutela del Chioggia Igp. "Le operazioni di raccolta del tardivo sono partite poco meno di un mese fa, il 26 agosto, quando i prezzi in Mercato si collocavano attorno e in certi casi sopra l'euro il chilo, favoriti dalla scarsa disponibilità di materia prima", spiega. 



"Nei giorni successivi, complice una qualità non sempre all'altezza della situazione, i listini si sono fortemente ridimensionati, dimezzandosi: oggi (ieri per chi legge ndr) l'asta in mercato ha espresso una quotazione di 40 centesimi o poco più. La presenza di marciumi nei cespi, l'inizio dei raccolti in Marche ed Emilia Romagna che incrementano le disponibilità, mentre nel Fucino le operazioni pur alle ultime battute sono ancora in corso: questo il mix di elementi che sta causando il forte calo dei listini".

Poi Boscolo Palo precisa: "I problemi qualitativi del prodotto si sono presentati una quindicina di giorni fa e il fenomeno è durato in tutto una settimana circa. Quindi da oltre una settimana la qualità del radicchio è ottima e il calo del valore del prodotto è dato dai contratti sul campo e da approvvigionamenti da altre aree di produzione".



Sul tema qualità, Boscolo Palo fa presente anche come, in occasione del recente Macfrut, alcuni operatori abbiano espresso l'intenzione di rifornirsi di prodotto estero, soprattutto polacco, ritenendolo meno penalizzato dal fattore climatico. "Ma in Gdo il radicchio straniero non si vede mai o quasi - la considerazione del responsabile del Consorzio e del Mercato di Chioggia - per cui viene da chiedersi se davvero tutto il prodotto che vediamo sugli scaffali sia veramente di origine italiana...". Logico il disappunto per chi fa della provenienza e della certificazione un cavallo di battaglia. 

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: