eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
EIMA
Bologna
19-23 Ottobre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 15 giugno 2021


Food & grocery, Amazon mette la freccia

Il coronavirus ha scombinato tutti gli equilibri del settore della distribuzione britannica, determinando la forte propensione a fare acquisti online. Nell'ultimo anno tutte le principali catene di supermercati del Regno Unito hanno fatto passi in avanti nelle vendite digitali di beni grocery, ma chi è cresciuto di più è il colosso dell'e-commerce Amazon. Una crescita che dovrebbe accelerare nell’era post-Covid: stando alle previsioni degli analisti di Edge Retail Insight, infatti, Amazon tra meno di cinque anni (nel 2025) supererà per la prima volta Tesco, il numero uno dei supermercati britannici, nelle vendite di grocery ed alimentari. Un avvenimento epocale per la storia del retail.

Oltre ad aver ampliato il business delle vendite online di beni di largo consumo, Amazon si è pure da poco lanciato nell'esperienza del commercio fisico, aprendo tre negozi con insegna "Amazon Fresh" a Londra nel corso del 2020. Con la pandemia ha aumentato le vendite di frutta, verdura ed altri alimenti del 17,6%. In questo segmento continuerà a crescere nel prossimo quinquennio, ma non dovrebbe diventare il leader: nel 2025 raggiungerà - secondo Edge by Ascential - il 15esimo posto nella classifica generale davanti a Shell, McColls, Bp e Wilko.


L'interno di un negozio Amazon Fresh 

Stando alle previsioni dello studio, nel Regno Unito il canale online potrà generare un giro d’affari di 176,2 miliardi di sterline tra 5 anni, oltre 70 miliardi di sterline in più rispetto ad oggi. “I nostri dati mostrano che l'e-commerce continuerà a crescere e tale trend sarà guidato dai giganti del digitale come Amazon, ma anche dai colossi dell'omnichannel come Tesco", precisa Deren Baker, Ceo di Edge by Ascential.

“Nell’ultimo anno Tesco, Sainsbury's e Asda sono state tutte in grado di espandere la loro capacità nei servizi online - aggiunge Robert Gregory, advisory research director di Edge by Ascential - Tesco, di recente, ha reso noto di aver aumentato del 77% le proprie vendite digitali nel 2020-21 dopo aver raddoppiato la propria capacità online a 1,5 milioni di slot per settimana. La crescita futura sarà guidata anche dai retailer che cercano di migliorare la velocità di consegna - conclude Gregory - incluse le partnership con gli specialisti delle consegne dell'ultimo miglio come Deliveroo e Uber Eats”.



“I prossimi cinque anni - evidenzia ancora Baker - saranno definiti dalla capacità delle aziende dei beni di consumo confezionati (Cpg) di sfruttare la forza dei marketplace per acquisire clienti. Questa è la vendita al dettaglio di nuova generazione, il Retail 5.0: marketplace che padroneggiano sulla personalizzazione su larga scala. I marchi Cpg devono quindi concentrare gli investimenti sulla conquista di quote di mercato attraverso le piattaforme online più rilevanti per loro”. 

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: