eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

martedì 28 giugno 2022


Coldiretti Cuneo: «Prevenire le pratiche sleali»

Sono inaccettabili i prezzi riconosciuti ai frutticoltori cuneesi per il raccolto 2021, in particolare per le mele e le pesche, e le tempistiche di liquidazione. È quanto denuncia Coldiretti Cuneo con riferimento alle speculazioni e storture che colpiscono un comparto vitale per l’economia cuneese.
L’ortofrutta genera della Granda un fatturato di oltre 260 milioni di euro (senza contare l’indotto), interessando 3.500 aziende che producono circa 700.000 tonnellate di frutta su una superficie di 14.000 ettari. In particolare, la produzione cuneese di pesche coinvolge 1.800 aziende su una superficie di 2.300 ettari, mentre 2.500 imprese coltivano sul nostro territorio 4.500 ettari di melo.



La situazione è insostenibile, con una forbice esagerata tra la remunerazione riconosciuta ai produttori agricoli e il prezzo della frutta pagato dai consumatori, ed è aggravata dalla grande distribuzione che continua ad applicare il suo strapotere acquistando e vendendo a prezzi che non coprono neanche i costi di produzione” dichiara il presidente di Coldiretti Enrico Nada.

“Altrettanto vergognose – aggiunge il direttore di Coldiretti Cuneo Fabiano Porcu – sono le tempistiche poiché, se tra non molto si raccoglieranno i frutti della nuova stagione, in diversi casi non è ancora stata liquidata quella precedente”. 
“È inconcepibile che i nostri frutticoltori debbano vendere 3 chili di frutta per potersi pagare, dopo un anno, un caffè! Siamo pronti ad applicare il Decreto sulle pratiche commerciali sleali perché ai produttori agricoli sia riconosciuto come merita il loro lavoro”, conclude il presidente Nada.

Fonte: Ufficio stampa Coldiretti Cuneo


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: