eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

mercoledì 8 giugno 2022


Pomodori potenziati per sviluppare maggiore Vitamina D

Pomodori geneticamente modificati per sviluppare maggiore vitamina D. Succede nel Regno Unito, dove i ricercatori del John Innes Centre di Norwich hanno cercato una soluzione ai bassi livelli nei britannici del nutriente che si assorbe con l’esposizione al sole. 

"I pomodori che modificano i geni per accumulare provitamina D3 a livelli superiori alle linee guida dietetiche raccomandate potrebbero portare a una migliore salute per molti, soprattutto perché sono un alimento ampiamente accessibile e facilmente mangiabile", ha detto Guy Poppy, professore di ecologia presso l'Università di Southampton e riporta The Guardian.



Le piante di pomodoro sono state create apportando piccole modifiche a un gene del pomodoro esistente utilizzando una tecnica di modifica chiamata Crispr-Cas9. L’obiettivo del centro di ricerca era quello di trovare nelle piante di pomodoro l’enzima che normalmente converte la provitamina D3 in colesterolo. Alterandolo, gli studiosi sono riusciti a bloccare questo percorso facendo accumulare la provitamina nei frutti e nelle foglie del prodotto. 

È stato calcolato che la quantità di provitamina D3 in un frutto di pomodoro – se convertita in vitamina D3 – sarebbe equivalente ai livelli presenti in due uova di medie dimensioni o 28 grammi di tonno. Per convertirlo in vitamina D3 attiva, il frutto dovrebbe ancora essere esposto alla luce UVB, o potrebbe potenzialmente essere coltivato all'aperto, cosa che i ricercatori prevedono di testare nelle prove sul campo che verranno effettuate nel mese prossimo.



La prof.ssa Cathie Martin del John Innes Centre, ha supervisionato lo studio. In un intervento ha affermato che la stessa tecnica potrebbe generare alterazioni simili in qualsiasi varietà di pomodoro d'élite. "Ciò significa che le aziende potrebbero introdurre questo tratto nelle loro cultivar protette da brevetto o introdurlo nella varietà Gardener's Delight, dove non c'è protezione brevettuale. Inoltre, la tecnica potrebbe anche funzionare bene in altre colture alimentari solanacee come peperoni, peperoncini, patate e melanzane” ha concluso.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: