eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

venerdì 13 maggio 2022


Addio a John Cripps, il papà di Pink Lady

Se n’è andato lasciando una delle più importanti eredità al mondo frutticolo moderno. Il breeder John Cripps, creatore della varietà Cripps Pink su cui è stato fondato il marchio Pink Lady, è scomparso all’età di 95 anni.

A darne notizia sono i principali media internazionali, che hanno sottolineato il contributo significativo di Cripps all’industria australiana delle mele: già nel 2010 il breeder era stato aggiunto alla Hall of Fame della Royal Agricultural Society of Western Australia, mentre nel 2015 era stato nominato Ufficiale dell'Ordine dell'Australia.



Come riporta il sito fruitnet.com, Cripps era nato in Inghilterra nel 1927, per poi essersi trasferito in Australia nel 1955 per lavorare per il Dipartimento dell'Agricoltura dell'Australia Occidentale. Proprio all’interno di questo ruolo, aveva creato la varietà Cripps Pink, un incrocio tra Lady Williams e Golden Delicious, che è stata rilasciata nel 1991. Inoltre Cripps ha contribuito a creare la varietà Cripps Red, commercializzata come Sundowner e Joya. 

"Ci sono voluti 25 anni di ricerca per sviluppare la genetica della mela Pink Lady fino al punto in cui è oggi - è intervenuta la figlia Helen Cripps alla radio ABC - Cercava un gusto particolare, cercava il colore rosso, la dolcezza, la croccantezza, una buona conservazione in modo da poter sopravvivere a lungo anche in cella frigorifera, rendendo quindi il prodotto ideale per le esportazioni”.



La passione di Cripps per il suo lavoro di ricerca era tale da coinvolgere anche la sua famiglia. La figlia racconta, come riportato dal Dailymail.co: "Da bambini avevamo un secondo frigorifero e papà portava a casa le mele che pensava fossero potenziali per una nuova varietà e io e mia sorella ricevevamo istruzioni rigorose per mangiarle, ma poi dovevamo sputare i semi in modo che potesse prendere e poi riseminarli. Siamo stati i primi recensori di Pink Lady”.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: