eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

venerdì 13 maggio 2022


Despar, la prossimità arma vincente

Un fatturato di 2,5 miliardi, in crescita dell’1,7%, un utile netto che si attesta a 13 milioni e investimenti per quasi 104 milioni di euro. Continua la crescita di Aspiag Service, la concessionaria del marchio Despar per il Triveneto, l’Emilia-Romagna e la Lombardia che ha consolidato all’8,3% (+0,2%) la propria quota di mercato nella trading area di riferimento (Area Nielsen 2).

Il Gruppo evidenzia una crescita per il reparto dell’ortofrutta: “I numeri ci soddisfano – spiega il presidente Harald Antley – anche se abbiamo notato un cambio di consumo in questo reparto come in altri. Sono variati i prodotti inseriti nel carrello e nel 2022 i consumatori devono fare i conti con un’inflazione del 13%”.



Il 2021 è partito fortemente segnato dal Covid-19 – prosegue - Durante l’anno però la situazione si è calmata fino agli ultimi 3-4 mesi, quando abbiamo iniziato a vedere i primi segnali di inflazione colpendo pesantemente i costi energetici che abbiamo cercato di assorbire fungendo da ammortizzatore sociale”.

“Per il 2022 – continua il presidente – è previsto un aumento dell’inflazione, ma l’azienda cerca di non trasferire i costi. Finora abbiamo assorbito 11 milioni di aumenti e continuiamo a fare investimenti in ristrutturazione e sviluppo nel territorio in continuità con quelli che sono i nostri valori: inclusione, prossimità, partecipazione e competenza”.

Le nuove abitudini d’acquisto, consolidatesi durante il periodo pandemico, hanno fatto segnare una spesa media ancora in forte crescita, riscontrabile dall’aumento del numero degli scontrini passato dai 68,6 milioni registrati nel 2020 ai 76,9 milioni del 2021, con un graduale ritorno del valore dello scontrino medio agli indicatori pre-Covid. 



L’incremento delle vendite è derivato anche dall’ulteriore ampliamento dell’offerta a scaffale dei prodotti a marchio (Mdd), creati da una selezione dei migliori produttori; con le loro 6.244 referenze totali hanno infatti rappresentato per Aspiag Service il 25,7% dell’intero fatturato.

Gli amministratori delegati Francesco Montalvo e Christof Rissbacher hanno sottolineato l’importanza della vicinanza alla comunità. “Nonostante tutto, il 2022 è partito sotto i migliori auspici - dichiara Montalvo - perché la concessionaria prevede l’apertura alla fine dell’anno del primo punto vendita a insegna Interdespar in Lombardia. Un progetto di sviluppo ambizioso che prevede sul territorio lombardo l’apertura di 60 punti vendita a marchio Despar (fra diretti e affiliati) nel quadriennio 2022-2026, con una media di 15 esercizi all’anno, per un investimento complessivo quantificabile in oltre 300 milioni di euro e la creazione stimata di 1.600 nuovi posti di lavoro”.

“Stare vicino al territorio significa avere cura delle persone – continua Rissbacher. Nel 2021 è salito ulteriormente il numero dei collaboratori (+142), che porta a 8.659 il totale degli addetti del marchio dell’abete nel Nord Est italiano. Inoltre, lo scorso anno abbiamo investito 5,6 milioni su industria 4.0 grazie ai quali abbiamo potuto innovare tecnologicamente banco frigo e magazzino”.



Rapporto con le comunità significa anche far apprezzare le eccellenze agroalimentari del territorio. Aspiag Service si impegna da molti anni a valorizzare le filiere corte attraverso il proprio marchio “Sapori del Nostro Territorio”, che raccoglie oggi oltre 3.000 referenze a scaffale provenienti da più di 400 produttori locali.

Sul fronte della riduzione dell’impatto ambientale della propria attività l’azienda ha implementato il proprio impegno, con un’ attenzione particolare allo sviluppo della rete in un’ottica di sostenibilità per ridurre le emissioni e i consumi, grazie al crescente uso di impianti a luci LED, l’acquisto di energia verde certificata che lo scorso anno ha raggiunto l’88% consentendo l’abbattimento dell’87% delle emissioni di CO2 e ancora l’invio a riciclo di oltre il 76% dei rifiuti, l’utilizzo di packaging riciclabili e sacchetti biodegradabili e il dimezzamento dell’uso della plastica sostituita dalla carta per i prodotti freschi sottovuoto.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: