eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

lunedì 9 maggio 2022


«Prezzi stracciati, un cane che si morde la coda»

Comprensibile la caccia all'affare, anche quando si fa la spesa di ortofrutta al mercato. Ma se i prezzi diventano stracciati, prima di esultare per il possibile colpaccio bisognerebbe farsi due domande. Quelle che si è posto Lorenzo Biagiarelli, "not a chef" come si definisce, personaggio televisivo - è uno degli ospiti della trasmissione "È sempre mezzogiorno" condotta da Antonella Clerici - e social, con la sua pagina seguita da oltre 170mila persone su Facebook.



E proprio su Facebook il fidanzato di Selvaggia Lucarelli ha postato una riflessione che parte da un video in cui un ragazzo vuole scoprire cosa riuscirà a comprare con dieci euro in uno dei mercati più economici della sua città.

"Alla fine porta a casa 10 carciofi, 1 kg di banane, 1 di mele e 1 di kiwi, 3 di patate, 1 kg di fragole e 1 di arance. Un sacco di roba - evidenzia Bigiarelli - Ci sono più di seimila commenti, quasi tutti entusiasti, quasi tutti sottolineando che chi commenta, nella propria città, non comprerebbe nemmeno la metà delle cose. E c’è un motivo. C’è un motivo se la frutta e gli ortaggi costano: qualcuno li ha raccolti. Qualcuno con uno stipendio regolare. Qualcuno, si spera, che non sia nelle grinfie del caporalato. Poi c’è qualcuno che li lavora, qualcuno che li trasporta, auspicabilmente nelle stesse condizioni dei lavoratori precedenti. Poi c’è qualcuno, ad esempio il supermercato, o la bottega, che su quello che vende paga le tasse, attraverso l’emissione dello scontrino. E infine c’è un'informazione sulla filiera, sulla provenienza, sulla cosiddetta qualità potenziale".

Una cosa ovvia si dirà, ma soprattutto in un periodo come questo, dove la tensione sui prezzi è massima, è sempre bene ricordarla. Anche perché se da una parte ci sono mercati che offrono ortofrutta a prezzi stracciati (ne abbiamo scritto anche qui), dall'altra nella distribuzione moderna e nel dettaglio tradizionale i valori fanno i conti con l'aumento dell'inflazione.



"Ad esempio, al supermercato sotto casa mia un chilo di fragole della Basilicata costa sei euro. So da dove vengono, conosco la loro varietà e il periodo di raccolta, leggo il nome dell’azienda, su cui posso fare ricerche di eticità - aggiunge Bigiarelli - Pagherei 7 euro al kg dei kiwi con le stesse caratteristiche, per delle patate della Sila, ad esempio, 1,50. Questo al supermercato. Al mercato dei coltivatori diretti, forse anche di più, in quel caso però il produttore sarebbe di fronte a me, con frutta e ortaggi biologici, con una minore impronta di carbonio e con la certezza che i soldi che pago ricadranno sul lavoro del territorio. E accetterebbero un pagamento con il Pos".

"È scivoloso dire quanto sto per dire ma lo farò - prosegue il personaggio tv -: è possibile che quello sia un mercato con una clientela che per mille motivi non può permettersi di spendere prezzi maggiori di quelli offerti. È perfettamente comprensibile. Ciò non toglie che dietro a quei prezzi c’è lo spettro di gente ancora più povera, che zappa i campi sotto il sole per due euro al giorno e dorme in un Cara assieme a altri otto compagni di stanza. Di mancati introiti nelle casse dello Stato sotto forma di tasse non pagate, e l’assistenzialismo non si paga da solo, ma proprio con le tasse. Potrebbe esserci lo spettro della mafia, dell’agricoltura intensiva che impoverisce il terreno e obera l’ambiente. È un cane che si mangia la coda, e non è certo colpa del ragazzo che ha girato il video. Il problema del video è solo culturale: trasforma tutto questo pacchetto di miseria in un’allegra rappresentazione folcloristica, suscita commenti entusiastici mentre dovrebbero essere colmi di preoccupazione, in sostanza rende ‘cool’ una catena di problemi per l’ambiente, per lo Stato e soprattutto per la gente - conclude Lorenzo Biagiarelli - che, da una parte o dall’altra, a quella catena ci è legata mani e piedi".

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: