eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

venerdì 11 marzo 2022


Angurie, operazione recupero

L'effetto pandemia si è fatto sentire sull'anguria. Ma, dopo il tonfo dei consumi avvenuto nel 2020, lo scorso anno è stato all'insegna del recupero e per la campagna 2022 ci sono tutte le premesse per crescere ancora superando i numeri pre Covid. Il Paese va infatti verso un allentamento delle restrizioni e per un prodotto conviviale per eccellenza come l'anguria non può che essere una buona notizia.

Le vendite in Gdo

Nella distribuzione moderna le vendite di anguria si concentrano da aprile a ottobre, ma ovviamente sono i mesi estivi a giocare la parte del leone. Con le elaborazioni del Monitor Ortofrutta di Agroter approfondiamo le dinamiche commerciali di questo prodotto ortofrutticolo, tra i dieci frutti più venduti in Gdo. Fatte cento le vendite del 2019, nel primo anno di pandemia l'anguria, come anticipato, è stata pesantemente colpita dall'effetto Covid: le vendite a valore sono infatti crollate di 16 punti e quelle a volume di 10. Nemmeno la leva promozionale è riuscita a contenere le perdite e il comparto ha sofferto, vivendo una campagna avara di soddisfazioni. Lo scorso anno, però, nonostante la pandemia fosse ancora in corso, le performance sono state decisamente migliori ed è partita un'operazione recupero: le vendite a valore sono cresciute di nove punti e quelle a volume di otto, avvicinandosi così ai numeri del 2019.



Analizzando i dati per area geografica si nota invece un'Italia a due velocità. Lo scorso anno l'Area 4 (Campania – Calabria – Basilicata –Puglia – Sicilia) ha registrato vendite superiori di quattro punti sul 2019, mentre l'Area 2 (Veneto – Friuli Venezia Giulia – Trentino Alto Adige - Emilia Romagna) è cresciuta di tre punti sull'anno di riferimento. A ridimensionare i volumi nazionali sono stati il Nord-Ovest, con una contrazione di nove punti sul 2019, e l’Area 3 (Toscana – Lazio – Marche – Abruzzo– Molise- Sardegna) con un meno tre punti.



A livello di calendario, invece, lo scorso anno si è notata una maggior importanza del mese di settembre: sia le vendite a valore che a volume sono state superiori a quelle del 2019. Insomma, l'estate si allunga.

Uno sguardo alla produzione

Gli ultimi dati Istat sulla produzione italiana di angurie, sia in pieno campo sia in serra, si fermano al 2020, quando nel nostro Paese sono stati investiti oltre 13 mila ettari su questa coltura, un dato stabile rispetto al 2019, ma in aumento del 12,5% se paragonato al 2016. La raccolta 2020, infine, ha sfiorato quota 650.000 tonnellate, stabile rispetto all'anno precedente mentre l'aumento sul 2016 è stato del 25%.


Il ruolo del brand

Per cavalcare il recupero, non solo nei volumi ma anche nelle vendite a valore, è fondamentale dare una chiara riconoscibilità al prodotto anguria e una distinzione facile da capire per il consumatore che non si fermi al solo formato e tipologia. In questo quadro il ruolo del brand, associato a caratteristiche qualitative costanti e peculiari, è la chiave per favorire la crescita.


Il commento di Nunhems

"La specializzazione paga in ortofrutta e questo vale anche per i produttori di anguria - interviene Fabio Morra, sales specialist melone-anguria Centro-Sud Italia di BASF - Al giorno d'oggi è fondamentale avere uno sguardo ampio sul comparto: dal campo al mercato, passando per il posizionamento del prodotto nei canali di vendita. E tutto ciò si traduce nella conoscenza di tutti gli aspetti tecnici della produzione, ma anche saper scegliere bene su quali prodotti puntare, come posizionarli e le strategie commerciali specifiche. In un business dove i dati non sono sempre strutturati o derivanti da un’unica fonte, una lettura attenta di chi conosce bene l’intera filiera, è fondamentale per individuare dei trend utili a disegnare insieme il futuro".



E anche Nunhems, rimarca Morra, fa sua l'idea di un approccio specialistico. "Il nostro obiettivo è quello di offrire un servizio associato al prodotto in un’ottica di costante miglioramento dell’esperienza del cliente - sottolinea il sales specialist - Da qui nasce la partnership con IFN per fornire dati e informazioni utili a leggere un mercato dinamico e sempre più veloce nei suoi cambiamenti. Un’ulteriore novità che arricchisce il servizio WhatsApp attivo dalla scorsa stagione e che quest’anno sarà ancora di più il mezzo per rimanere in contatto con tutta la filiera specializzata del melone e dell’anguria".

Per maggiori informazioni sul servizio e per iscriversi al canale, è possibile visitare la pagina di approfondimento sul sito di Nunhems cliccando qui.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: