eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

venerdì 25 febbraio 2022


Noci Delta del Po, crescita costante

Solo noci biologiche, coltivate nell’areale del Delta del Po, tra le province di Ravenna e Ferrara su 170 ettari. Il Consorzio Noci Delta del Po è nato 6 anni fa e fa parte dell’Op La Diamantina di Ferrara. 



La produzione negli ultimi anni sta andando incontro ad un periodo fertile, come ci spiega Gianluca Vertuani, presidente del Consorzio e di Confagricoltura Ferrara: “In media ogni anno i cinque associati al consorzio di noci bio più grande d’Italia incrementano del 10% la superficie destinata ai noci. Era un nostro obiettivo crescere – racconta Vertuani – e ottimizzare gli impianti per offrire varietà diverse. Siamo partiti con Chandler, apprezzata per il suo calibro generoso e regolare, ma ci stiamo allargando anche a Lara e Tulare”. 



Per le noci bio sembra non esserci crisi e vengono preferite alla concorrenza estera: “Il prodotto – continua il presidente – vive di un momento favorevole perché è salutare e nutraceutico. La differenza la fa il fatto che proviene dall’Italia e si consuma così com’è, al naturale e con qualche centinaio di chilometro alle spalle. Mentre le noci provenienti dall’estero, ad esempio dalla California, peccano del lungo viaggio fatto, non sono conservate in maniera consona e non sono soggette a disciplinari di produzione stringenti come quelli italiani. Ciò che è locale ormai si apprezza sempre di più e ne abbiamo conferma anche vedendo i punti vendita dei nostri piccoli associati: chi assaggia per la prima volta le nostre noci biologiche, le acquista e torna anche”.



In questo, secondo Vertuani influisce anche la semplicità e comodità del prodotto: “Il consumo è cambiato ed ha comportato un crollo di produzioni locali come la pera, che sconta difficoltà di approvvigionamento, prezzi alti e difficoltà nel portarsela ovunque. La frutta secca invece, si differenzia perché è più semplice e veloce da consumare”. 



Una volta raccolte, le noci del Delta del Po vengono trasferite ad Eurocompany, azienda trasformatrice di Ravenna, mentre una piccola parte viene commercializzata a fresco nei punti vendita delle aziende che conferiscono al Consorzio.



“L’ultima campagna – prosegue – è stata critica, caratterizzata da condizioni meteorologiche avverse non prevedibili e per quella che ci aspetta speriamo in una maggiore regolarità. Nel frattempo, stiamo mettendo a punto una nuova linea di sgusciatura per poter mettere in commercio un prodotto sgusciato sottovuoto senza rivolgerci ad esterni”. 

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: