eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

mercoledì 2 febbraio 2022


Nocciola di Giffoni, la scarsa produzione è alle spalle

La corilicoltura è in espansione nel territorio attorno ai Monti Picentini, dove nasce la nocciola di Giffoni, in provincia di Salerno, tutelata dal Consorzio Igp presieduto da Gerardo Alfani. “Le superfici dedicate ai noccioli stanno aumentando – dichiara a IFN - così come crescono i produttori che aderiscono al Consorzio di Tutela Nocciola di Giffoni Igp. Il punto è che altre colture che un tempo arricchivano il nostro territorio, come le pere, sono diventate meno redditizie e poco appetibili. Da qui la decisione di investire sui noccioleti”. La riconversione è una scelta che sta ripagando i corilicoltori considerando che il consumo di nocciole non conosce stagioni. “C’è sicuramente un picco durante le festività natalizie – continua Alfani - ma i contratti di commercializzazione prevedono consegne durante tutto l’anno"


L’ultima produzione non è stata florida a causa di tanti motivi, spiega Alfani: “La stagione che ci siamo appena lasciati alle spalle è stata scarsa, anche se le vendite hanno comunque dato soddisfazioni. L’anno prima la produzione era stata estremamente ricca e questo ha determinato una successiva scarsa differenziazione di amenti maschili con poco polline al momento dell’impollinazione. In più, si sono aggiunte gelate tardive e la siccità estiva. Si sono combinate diverse avversità che hanno provocato dal 10 fino al 70% in meno di produzione, ma per la stagione che verrà ci sembra molto rosea e speriamo che si regolarizzi per il futuro”. 


Il Consorzio Tutela Nocciola Giffoni Igp è nato nel 2010 e riunisce 140 soci tra agricoltori, confezionatori e cooperative. La produzione si attesta attorno ai 15mila quintali l’anno per un migliaio di ettari divisi in dodici comuni. Tra le iniziative messe in atto c’è la garanzia del prezzo minimo ai produttori e la costituzione di un distretto agroalimentare di qualità della nocciola di Giffoni in attesa di approvazione da parte della regione Campania.

Il consumo è prevalentemente non trasformato. “Sul territorio siamo carenti dal punto di vista della trasformazione – continua il Presidente Alfani –. Gli impianti sono modesti e quindi la lavorazione avviene prevalentemente fuori, ma grazie al distretto agroalimentare di qualità potremmo intercettare i fondi del Pnrr per sviluppare gli impianti, modernizzare le fasi di produzione e raccolta, e continuare a valorizzare e promuovere la corilicoltura”. 

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: