eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

martedì 25 gennaio 2022


Embargo bielorusso, Europa all'attacco

Il commissario europeo per l'agricoltura Janusz Wojciechowski ha bollato l'embargo sull'importazione di prodotti alimentari istituito dalla Bielorussia come una "arma" che fa parte di un attacco ibrido contro l'UE e ha promesso di sostenere gli Stati membri più colpiti dalle restrizioni.

L'embargo è stato aggiunto dalla delegazione polacca come punto di discussione durante la prima riunione del Consiglio AGRIFISH sotto la presidenza francese di lunedì 17 gennaio.

"Questo fa parte di un attacco ibrido all'UE, un'arma usata contro l'Europa", ha detto il commissario ai giornalisti dopo l'incontro, tracciando parallelismi tra l'armamento delle restrizioni e quella dell'immigrazione illegale.

"Ricordiamo l'embargo russo di alcuni anni fa, questa è una certa ripetizione ma su scala ridotta di quella situazione", ha aggiunto, riferendosi alla restrizione delle importazioni alimentari che Mosca ha messo in atto nell'agosto 2014 contro l'UE, gli Stati Uniti, Canada, Australia e Norvegia.

Prima di introdurre l'embargo, la Russia era uno dei maggiori mercati per la frutta e la verdura polacca. Tuttavia, in seguito all'introduzione dell'embargo, la perdita di scambi è stata parzialmente compensata dalla Bielorussia, rendendo il paese d'origine del Commissario, la Polonia, particolarmente vulnerabile agli ultimi sviluppi.

Riconoscendo che alcuni Stati membri sono stati colpiti più duramente dalla decisione rispetto ad altri, Wojciechowski ha affermato che queste differenze devono essere prese in considerazione nella risposta della Commissione all'embargo.

"L'UE deve mostrare sostegno e solidarietà agli Stati membri più colpiti", ha affermato, aggiungendo che l'esecutivo dell'UE si concentrerà su questo embargo dal punto di vista dei vari membri al fine di considerare una serie di soluzioni.

A dicembre, il Consiglio europeo ha adottato sanzioni contro la Bielorussia in risposta al presunto incanalamento di migranti verso i confini del blocco, principalmente con Polonia e Lituania.

Per rappresaglia, la Bielorussia ha annunciato a dicembre un embargo sulle importazioni alimentari nel paese di prodotti alimentari originari dell'UE e di altri paesi, compresi Regno Unito, Norvegia e Svizzera.

"Sono state adottate misure di ritorsione, tenendo conto dei continui tentativi dell'Occidente collettivo di esercitare pressioni illegali contro il nostro paese", ha affermato il governo di Minsk in una dichiarazione all'epoca.

Fonte: euractiv.com


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: