eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

mercoledì 2 febbraio 2022


PersiSkin, la pelle vegana si ottiene dai cachi in eccedenza

L'azienda valenciana Laserfood ha lanciato in Spagna la prima pelle a base di cachi, sostituto della tradizionale pelle animale. Il nuovo prodotto, che sarà commercializzato con il marchio PersiSkin, propone una soluzione per gestire i cachi in eccedenza dei campi valenciani attraverso la produzione di un tessuto vegano, sostitutivo della pelle animale e sintetica, composto al 100% da prodotti naturali.

L'azienda, che è attualmente nella fase iniziale di presentazione di questa iniziativa, ha investito 500.000 euro nel brevetto del prodotto e nel suo sviluppo. E nei prossimi mesi "si stima che investiremo fino a 2 milioni di euro nella fase produttiva che inizierà a maggio di quest'anno. In questa seconda fase potremo aprire un primo stabilimento dove verrà realizzato il tessuto definitivo e inizieremo a commercializzarlo”, spiega Jaime Sanfelix, direttore generale di Laserfood.
“Sono passati tre anni dalla nascita dell'idea di fornire ai cachi un maggior valore aggiunto. Questo è stato il periodo trascorso fino al raggiungimento del pieno sviluppo e lancio del prodotto. Adesso ci manca la fase di industrializzazione di tutta questa procedura per poter rifornire un settore produttivo come quello tessile”, precisa il direttore generale dell'azienda.

La Comunità Valenciana è il principale produttore di cachi in Spagna, concentra l'85% del raccolto nazionale di questo frutto. In questo modo, le terre valenciane producono più di 300 milioni di chili di questo frutto all'anno.

Negli ultimi cinque anni, la raccolta dei cachi ha avuto un'evoluzione esponenziale, portando la produzione a livelli esorbitanti. A causa dei trend commerciali, dei parassiti e delle condizioni meteorologiche, oltre il 50% della produzione totale di cachi non raggiunge il mercato, diventando così un surplus annuale.

Di fronte a questa situazione del settore agroalimentare valenciano, il nuovo tessuto PersiSkin cerca di smaltire questa eccedenza. Questo nuovo tessuto è rispettoso dell'ambiente, sostenibile e costituisce l'economia circolare della regione di origine della materia prima.

Secondo Jaime Sanfelix, “questo progetto nasce dalla necessità di aggiungere valore a un prodotto sottoutilizzato come i cachi. A livello produttivo abbiamo un volume elevato e molti chili non vengono commercializzati perché il mercato non li assorbe, in molti casi perché la qualità della frutta non è adeguata al mercato fresco. Quei cachi rimangono in campo senza raccolta e anche la preparazione nei magazzini genera perdite. Pertanto, questa iniziativa nasce con l'obiettivo di ottenere il massimo valore possibile da tutta questa produzione”.

Fonte: Valenciafruits.com; Foto: www.persiskin.es


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: