eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
MACFRUT 2022
4-6 Maggio 2022
Rimini
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

venerdì 19 novembre 2021


L'ortofrutta vola in orbita

Quando sei nello spazio il fare con poco è una necessità: nel cosmo le risorse a cui siamo abituati sono limitatissime e praticamente tutte devono essere portate dalla Terra. Pensiamo all'acqua, ad esempio. Poi c'è il tema dello spazio, quello fisico, elemento prezioso nei moduli in orbita, del risparmio energetico, dell'ossigeno... Insomma, dalla vita nelle navicelle possiamo trarre ispirazione per fare di più con meno, per spingere sulla tecnologia nell'ottica di soluzioni sostenibili, per mutuare conoscenze che porteranno a soluzioni sfruttabili anche sulla Terra, dove le risorse naturali, ce ne rendiamo conto giorno dopo giorno, non sono infinite.

Con questo spirito allo Speciale Frutta e Verdura (1 dicembre - Fico Congress Centre di Bologna) abbiamo pensato di concederci un piccolo viaggio nello spazio. Virtuale, s'intende, ma con una guida d'eccezione: Franco Malerba, il primo astronauta italiano nello spazio con la missione dello space shuttle Atlantis nel 1992, ex ingegnere e manager di Thales Alenia Space, e ora cofondatore di SpaceV.



SpaceV sta per Space Vegetables, o Space Veg in breve, ed è una startup costituita da un team multidisciplinare di ingegneri con esperienza in meccatronica, Ict e agrotech impegnata a studiare e progettare attrezzature per coltivare efficacemente piante nelle stazioni orbitali e nei futuri insediamenti lunari e marziani.



Innovazione allo stato puro che parte dalle serre adattive multilivello sviluppate da Germina, la società madre di SpaceV, per il vertical farming: una tecnologia che la startup sta declinando per l'ambiente spaziale dove la necessità di risparmiare peso, volumi, energia ed acqua sono ovviamente molto stringenti.


Franco Malerba

SpaceV sta sviluppando un prototipo adatto a diverse colture, tra le prime applicazioni ci saranno quelle dedicate alla coltivazione di pomodori e funghi. Prodotti freschi da far crescere e gustare in orbita, una variante al menu degli astronauti professionisti, ma in prospettiva un'allettante proposta culinaria anche per quel turismo spaziale che rappresenta la nuova frontiera dei viaggi.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: