eventi
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

venerdì 12 novembre 2021


Piemonte: pesanti perdite per pere, pesche e albicocche

L'annata agraria in Piemonte "è stata fortemente condizionata dal cambiamento climatico", con il susseguirsi di eventi estremi: gelate tardive primaverili, piogge alluvionali e persistente siccità.

Pesantissime le perdite nel comparto frutticolo (-70% pere, - 50% pesche, - 35% albicocche), degli ortaggi in pieno campo, del foraggio e del miele con alcune produzioni praticamente inesistenti. E' il bilancio fatto, come ogni anno in prossimità della festa di San Martino, da Confagricoltura Piemonte
L'analisi dell'annata evidenzia anche la "pesante difficoltà" del settore zootecnico - ha spiegato il direttore generale Ercole Zuccaro - per l'aumento del costo delle materie prime destinate all'alimentazione animale, che rispetto al 2020 hanno subito un'impennata, e di gas e gasolio. Il comparto è in tensione anche per "forte concorrenza delle carni importate"; "basso ancora il prezzo del latte riconosciuto agli allevatori".

Annata soddisfacente in Piemonte, invece, per i piccoli frutti e le uve da vino, con un calo produttivo del 10% nell'ultima vendemmia, "ma qualità eccellente, soprattutto per i vini rossi". Il numero delle aziende agricole pienamente operative è - stando ai dati dell'anagrafe unica della Regione Piemonte, sceso a 40.152, quasi duemila in meno rispetto all'anno scorso, 30 mila in meno rispetto ai dati del 2005.

"Mancano le imprese giovani - ha sottolineato Zuccaro - rispetto all'aumento su scala nazionale, il Piemonte ha la stessa percentuale del 2010: erano il 14% le aziende gestite da under40 nel 2020, oggi sono il 13,6%. Ne servirebbero mille in più all'anno, ma per il momento non ci sono".

Fonte: Ansa.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: