eventi
FIERAGRICOLA 
Verona
2-5 Marzo 2022
BIOFACH 
Norimberga,
15-18 Febbraio 2022
FRUIT LOGISTICA 
Berlino,
5-7 Aprile 2022
MACFRUT 
Rimini,
4-6 Maggio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

venerdì 15 ottobre 2021


Keylan, i prodotti a chelazione green di Hello Nature

I microelementi vengono assorbiti dalle piante in quantità ridotta, ma sono comunque essenziali per raggiungere adeguati livelli di quantità e qualità delle produzioni agricole. La fertilizzazione con microelementi in forma “chelata”, ovvero legati a specifiche molecole, si è imposta negli anni in conseguenza del fatto che l’elemento, protetto dal legame con la molecola chelante, risulti pienamente disponibile, anche in condizioni non ottimali, per l’assorbimento delle radici.

Nonostante le buone proprietà chelanti dei composti di sintesi, come l'Eddha, queste molecole chimiche non rispondono ai moderni criteri di sostenibilità delle produzioni agricole, essendo caratterizzate da un basso grado di biodegradazione e da una lunga persistenza nell’ambiente.
A tal proposito, Hello Nature, azienda leader nella ricerca e produzione di soluzioni sostenibili in agricoltura, ha sviluppato, nel proprio centro di ricerca negli Usa, in tre anni, la tecnologia Key+.

Key+ introduce nel mercato dei micronutrienti chelati un innovativo concetto di chelazione green, la biochelation® (biochelazione) che utilizza i peptidi vegetali ed è alla base di una nuova gamma di prodotti: Keylan.

Keylan è indicato per prevenire e curare carenze di micronutrienti su un ampio numero di colture, attraverso applicazioni al suolo o mediante fertirrigazione. I punti di forza del prodotto poggiano sull’innovativa tecnologia appositamente sviluppata da Hello Nature. Infatti, grazie all’agente chelante di origine 100% naturale, Keylan è completamente biodegradabile, rispettoso dell’ambiente e della biodiversità e non lascia alcun residuo nel suolo e sulle colture. Tutto ciò non va però a discapito dell’efficacia, che è paragonabile a quella dei chelati di sintesi, e della praticità d’impiego, infatti, Keylan funziona in modo ottimale in un ampio range di pH, è altamente solubile e stabile.
Inoltre, gli agricoltori potranno apportare la stessa quantità di micronutriente con solo metà della dose di qualsiasi chelato di sintesi standard, con evidenti ulteriori benefici economici e ambientali.

Buone notizie anche per chi pratica l’agricoltura idroponica, in quanto il prodotto è specificamente formulato per prevenire qualsiasi problema di fotosensibilità e degradazione in seguito ad esposizione ai raggi UV, frequentemente utilizzati per sterilizzare e riciclare l’acqua in questi sistemi di coltivazione fuori suolo.

Infine, il valore aggiunto è rappresentato anche dalla presenza dei peptidi vegetali, i “Plant Stimulating Peptides” che conferiscono alla gamma un’esclusiva doppia azione biochelante e biostimolante che migliora l'assorbimento del microelemento stimolando, allo stesso tempo, anche il metabolismo della pianta. La somministrazione di Keylan, quindi, previene e cura la carenza di micronutrienti e al contempo permette il raggiungimento di maggiori livelli produttivi. Al contrario, gli agenti chelanti di sintesi svolgono un’unica azione di tipo nutrizionale e sono molecole che fungono solo da vettori dei micronutrienti e non hanno alcuna attività biostimolante sulle piante.

Keylan è una gamma completa di prodotti in polvere solubile, potenziata dalla tecnologia Key+, declinata in ferro, calcio, manganese, zinco e due complessi, Jeylan Max e Keylan CombiI. In Italia ed in tutta Europa la gamma di prodotti sarà disponibile a partire da metà 2022, al termine delle procedure di registrazione Reach, e l’impiego sarà consentito anche in agricoltura biologica. Grazie all’innovativa tecnologia di origine naturale, la nuova gamma Keylan rappresenta la perfetta alternativa, green e sostenibile, ai chelati di sintesi che sono ad oggi i fertilizzanti più impiegati per soddisfare le esigenze di microelementi delle colture, ferro in primis. 

Fonte: Ufficio stampa Hello Nature


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: