eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 14 settembre 2021


Limone Costa d’Amalfi Igp, vendite in crescita del 40%

Arrivata agli ultimi giorni di commercializzazione, si conclude con risultati positivi la campagna del limone Costa d’Amalfi Igp. Nonostante la perdita di prodotto dovuta alla cascola per il caldo eccessivo, la merce commercializzata è cresciuta del 40% rispetto al 2020.
A fare il punto sulla stagione limonicola è Costieragrumi, che associa circa 200 produttori.

Commenta la stagione Carlo De Riso, amministratore della Costiera Agrumi, che dice: “Abbiamo avuto seri problemi legati alla forte cascola ed alla shelf-life estremamente ridotta del prodotto il quale, per filosofia aziendale, non subisce alcun trattamento in post-raccolta”. Nonostante tutto, i meriti della filiera sono evidenti: “Abbiamo commercializzato all’incirca il 40% di merce in più rispetto all’anno 2020 anche se, di contro, i prezzi sono stati più bassi”, dice l’amministratore.



E continua sottolineando l’importante ruolo svolto dalla Gdo, che si è rivelata “attenta alla qualità di limoni certificati, facendo ottenere buoni risultati dal punto di vista commerciale tramite promozioni ed offerte, riuscendo così a commercializzare in brevi periodi grandi quantità di prodotto”. 
Ma il merito è anche dei consumatori che “hanno risposto acquistando in modo attento e consapevole, infatti sono tante le recensioni di apprezzamento e gradimento pervenute per il prodotto offerto sui banchi dei punti vendita – dice De Riso - Alla chiusura della stagione limonicola 2021 per il Limone Costa d’Amalfi Igp, continueremo comunque a fornire prodotto convenzionale rigorosamente italiano, con buccia edibile”.
Il ringraziamento va soprattutto ai produttori, considerato il loro prezioso lavoro in una stagione impegnativa: “In Costa d’Amalfi – si legge nella nota stampa - tutte le attività nei giardini di limoni vengono eseguite rigorosamente a mano, a partire dalla manutenzione, fino ad arrivare alla raccolta ed al trasporto a spalla, quest’ultimo a dir poco massacrante per via delle temperature elevate del periodo”.



Infine, De Riso lancia un appello al mondo della politica per “elaborare ed attuare una legge speciale per la manutenzione e il risanamento dei muretti a secco della Costa d’Amalfi, prima che questa carenza possa causare vittime e tragedie come conseguenza di avversità atmosferiche non più gestibili negli ultimi decenni”.
“Vivendo ogni giorno sul territorio, mi permetto di sottolineare la forte preoccupazione verso un territorio fragile – continua l’amministratore di Costieragrumi - appello che rivolgo al ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli ed all’assessore all’Agricoltura Regione Campania Nicola Caputo. Quest’ultimo ha recentemente visitato la Costa d’Amalfi insieme al direttore generale della Fso Qu Dongyu: insieme hanno potuto toccare con mano quelle che sono le criticità di questo territorio, patrimonio mondiale dell’umanità”.
E conclude: “Come Organizzazione di produttori siamo disponibili ad illustrare il nostro territorio a chi di competenza, affinché ci si renda conto di quali sono i rischi, per intervenire e mitigare, laddove non sia possibile eliminare, il rischio di eventi catastrofici”.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: