eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 29 giugno 2021


Quando i prezzi sono diseducativi

Prezzi diseducativi. Lo sono per i consumatori, quando in distribuzione si trova frutta in offerta o sottocosto - dai casi limite dell'anguria a un centesimo dello scorso anno, fino a promozioni spinte che propongono prodotto di stagione sotto l'euro il chilo - ma lo possono essere anche per i produttori.

Perché, come ci hanno fatto notare diversi produttori di albicocche, quando agli agricoltori vengono riconosciute quotazioni migliori per le prime partite di albicocche, ad esempio, mentre la merce più gustosa viene pagata poco l'indicazione pare chiara: meglio produrre frutta cattiva. E questo non può che generare un effetto boomerang e soprattutto deprimere il valore dell'ortofrutta.



"Anche in questa campagna ci troviamo davanti al solito problema - osservano gli imprenditori interpellati da Italiafruit - Le albicocche cattive le pagano care, quando arriva il prodotto buono, invece, scatta la guerra dei prezzi. Anche in un'annata come questa dove i volumi sul mercato sono sensibilmente inferiori. Ma questo è un messaggio deleterio: cosa comunica la filiera al produttore quando, per esempio, si è visto riconoscere per una Mogador 1,20 euro il chilo mentre ora con le albicocche più a gusto, come le Orange Rubis, c'è una forte pressione per scendere nei prezzi, sino oltre la metà?".

L'estrema sintesi è: la frutta buona costa meno di quella cattiva. La precocità, anche per le albicocche, deve essere funzionale ad aprire il mercato e a far da trampolino di lancio per i consumi: ma se si immette in commercio frutti che somigliano più ai limoni che alla frutta estiva, l'effetto è quello contrario. Il consumatore, deluso, sospende gli acquisti. E poi quando si arriva nel la pancia della campagna, con un'offerta dai corretti parametri qualitativi, la risposta non è quella desiderata.



Il problema, ovviamente, è di filiera. Di organizzazione di filiera. Non c'è un'aggregazione e un controllo sufficiente sul prodotto albicocca per poter coordinare una commercializzazione del frutto funzionale a premiare la qualità. Tra fughe in avanti e furbetti il mercato viene per così dire inquinato. E a pagarne le spese sono anche i produttori che impostano la loro attività sulla qualità e la soddisfazione del consumatore.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: