eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 21 maggio 2021


Import-export di ortofrutta, il Nord Africa stende l'Italia

Negli ultimi 10 anni l'Italia ha perso tre posizioni nel ranking mondiale degli esportatori di ortofrutta in termini di valore, scivolando dal sesto al nono posto, superata da Vietnam, Cile e Turchia, tallonata dal Canada: è la dura realtà fotografata nel Report ortofrutta presentato da Nomisma in occasione del webinar della Cia dedicato alla catena della distribuzione. Nel 2020 Stati Uniti e Spagna si confermano ai primi due posti che già occupavano nel 2010, mentre la Cina sopravanza i Paesi Bassi e conquista la terza piazza. A seguire, il Messico e i tre Stati che hanno scavalcato l'Italia. Nel decennio considerato l'export italiano è cresciuto del 32%, molto meno della media dei protagonisti della top ten, che hanno messo a segno un +100%. 



La slide Nomisma sull'import-export illustrata da Denis Pantini

Abbiamo perso quote di mercato nei quattro più importanti mercati di riferimento, dalla Germania alla Francia, dal Regno Unito alla Svizzera, a discapito soprattutto della Spagna, molto più performante fuori dai confini nazionali. Nel contempo è lievitato, e di molto, l'import tricolore, +52% a testimoniare l'assottigliamento dell'avanzo della bilancia commerciale, passata in negativo negli ultimi due anni. 



Emblematico, stando ai dati Nielsen presentati nello stesso webinar, quanto avvenuto con i Paesi nord africani dove, dal 2015 al 2020, l'export è crollato da 176,6 a 90,4 milioni di euro (-49%) e l'import è incrementato da 145,5 a 116,4 milioni di euro (+14%), sopravanzando quindi nettamente il dato dell'ortofrutta in "uscita" verso Marocco, Tunisia, Algeria, Libia e soprattutto Egitto il quale - con il 60,5 della quota import e l'87,6% dell'export complessivo verso l'area - fa la parte del leone nell'interscambio con il nostro Paese.



Agrumi, pomodori, ma non solo: sono sempre di più i prodotti ortofrutticoli della sponda sud del Mediterraneo che approdano in Italia e arrivano nei Mercati all'ingrosso e in molte catene distributive. Alimentando forme di concorrenza "simultanea" con molte referenze di punta del nostro Paese, a partire dagli ortaggi siciliani, coltivati nello stesso periodo.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: