eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 26 aprile 2021


Drupacee, Spagna con le armi spuntate a inizio campagna

Parte con il piede sbagliato la stagione delle drupacee spagnole: le gelate delle scorse settimana taglieranno pesantemente la produzione nella prima fase della campagna di commercializzazione, con una previsione di cali fino al 70%

A Murcia, stando alle rilevazione del Coag - principale entità rappresentativa del settore agricolo in Spagna - l'albicocca precoce ha subito perdite attorno al 60% e sono previsti ridimensionamenti importanti anche per pesche e nettarine in raccolta a maggio. 



In Aragona e Catalogna, dove si concentra oltre il 50% della produzione nazionale di drupacee, le gelate hanno spazzato via circa la metà del raccolto a Bajo Cinca, Baix Segre e Segrià, con danni che raggiungono il 70% per le albicocche. Freddo e maltempo non hanno risparmiato neppure le ciliegie: la raccolta iniziale dovrebbe essere contrassegnata da una perdita pari al 30% circa della produzione. Vanno meglio le cose nella zona di Valencia dove, per il momento, il monitoraggio non evidenzia potenziali perdite. E la scarsa disponibilità di materia prima può rappresentare una chance per chi dispone di frutta.



Dopo un 2020 difficile, caratterizzato da prezzi inadeguati a monte della filiera, Coag definisce fondamentale l'esito di questa campagna della frutta a nocciolo soprattutto per non dover assistere a ulteriori abbandoni dei terreni agricoli: "Una nuova stagione di rendimenti mediocri o nulli ridurrebbe ulteriormente il numero dei produttori frutticoli, con riferimento soprattutto alle imprese di piccole dimensioni. Temiamo perdite di posti di lavoro e abbandono della popolazione nelle aree rurali".

Per preservare i produttori, Coag chiede al ministero dell'Agricoltura di adottare misure utili a limitare lo strapotere della grande distribuzione che lo scorso anno, denuncia l'associazione, aveva messo sotto pressione i produttori pagandoli meno dei costi "vivi" sostenuti. L'organizzazione iberica sollecita misure adeguate per garantire che la legge sulla catena alimentare sia applicata correttamente, assicurando che i rivenditori finali compensino i fornitori in modo da coprire i costi di produzione.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: