eventi
FIERAGRICOLA 
Verona
2-5 Marzo 2022
BIOFACH 
Norimberga,
15-18 Febbraio 2022
FRUIT LOGISTICA 
Berlino,
5-7 Aprile 2022
MACFRUT 
Rimini,
4-6 Maggio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

mercoledì 17 marzo 2021


Georgia, maxi progetto serricolo per fragole e berries

L'azienda georgiana GlenBerries LLC, produttrice di frutta e verdura fresca e surgelata, ha lanciato un nuovo progetto di sviluppo per 117 ettari di serre nel comune di Khoni della regione di Imereti, nella Georgia occidentale. Qui l'azienda coltiverà frutta e verdura e creerà imprese per la lavorazione e la surgelazione rapida.

Rafael Magalashvili, co-fondatore e direttore esecutivo di GlenBerries, ha dichiarato a EastFruit che la società ha già acquisito i terreni. Il progetto di sviluppo sarà implementato per fasi. Nel 2021 si prevede di attrezzare serre su 52 ettari. Il costo totale del progetto è di circa 8 milioni di euro.

Nel 2018, con il sostegno del governo, GlenBerries ha aperto un'impresa che includeva magazzini refrigerati progettati per immagazzinare 1200 tonnellate di frutta e verdura all'anno con apparecchiature di congelamento rapido, che hanno permesso di elaborare 10 tonnellate di prodotti al giorno e altre infrastrutture pertinenti. Attualmente, un totale di 31 ettari sono assegnati alle fragole e qualche ettaro in più per gli ortaggi. Al momento è in corso la costruzione di serre per altri 10 ettari.

I prodotti finali per l'azienda sono frutta e verdura surgelate (utilizzando il congelamento rapido) e quasi il 100% dei prodotti viene esportato. I principali mercati di esportazione sono gli Stati Uniti e Israele.

“Il 2020 è stato un anno molto brutto per noi - ha detto Magalashvili - Naturalmente le nostre materie prime da sole non bastano per la nostra produzione e le acquistiamo da agricoltori locali. L'anno scorso non siamo stati in grado di acquistare materie prime sufficienti della qualità e della quantità adeguate per soddisfare tutti gli ordini disponibili dagli Stati Uniti e da Israele, con i quali abbiamo stabilito una cooperazione a lungo termine. Tenendo conto di questo problema, cercheremo di espandere il più possibile la nostra base produttiva. Pertanto, stiamo ora costruendo nuove serre, che saranno pronte molto presto, e prevediamo di sviluppare 52 ettari a Imereti quest'anno".

A causa dell'elevata domanda di fragole congelate, una parte dei nuovi 117 ettari sarà destinata specificamente a questo frutto. “Inoltre, pianteremo i mirtilli, perché anche i nostri mirtilli congelati sono molto richiesti e le bacche fresche sono costose sul mercato locale. Abbiamo in programma di coltivare broccoli, cavolfiori, spinaci e altre verdure nelle nuove superfici coperte”, osserva Rafael Magalashvili.

Fonte: EastFruit


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: