eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 8 febbraio 2021


Gela, sequesto preventivo per due aziende del settore

Una misura cautelare e due interdittive per trasferimento fraudolento di valori sono state eseguite nei confronti del titolare di fatto e due imprenditori di Gela operanti nel settore ortofrutticolo. Sotto sequestro preventivo sono finite due aziende del settore ortofrutta e altri beni per un valore complessivo di 2 milioni di euro.

A chiedere e ottenere le misure è stata la procura della Repubblica di Gela su indagini svolte dalla Guardia di Finanza. Le misure interdittive di divieto temporaneo di esercitare l’attività d’impresa riguardano due gelesi di 22 anni e 43 anni, cui è contestato, in concorso, il reato di trasferimento fraudolento di valori.

L’indagine trae origine dall’attività di controllo del territorio e dall’approfondimento delle vicende societarie di alcune imprese gelesi che pur non risultando formalmente intestate al principale indagato, lo vedono figurare quale amministratore di fatto delle stesse. Allo scopo di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione patrimoniali cui sarebbe potuto incorrere, si sarebbe avvalso di strutture societarie costituite da soggetti a lui vicini per continuare ad operare nel commercio di ortofrutta.

L'indagato sarebbe emerso quale figura di riferimento per clienti e fornitori nonché delegato ad operare sui rapporti bancari di una delle società di cui risulta essere solamente un dipendente. La ricostruzione delle vicende societarie è partita dalla costituzione (nel 2010) di una prima azienda, intestata ad un familiare e ora in fallimento, già interessata da un provvedimento di sequestro ad opera della D.I.A. di Caltanissetta, emesso della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale nisseno nell’anno 2015.

Successivamente, al fine di proseguire la propria attività imprenditoriale, l'indagato avrebbe costituito due nuove compagini societarie, aventi la medesima sede ed operanti nello stesso settore commerciale dell’azienda fallita, attribuendone la titolarità a soggetti rivelativisi essere chiaramente delle “teste di legno”.

“L’operazione sviluppata dalla Guardia di Finanza e diretta dell’Autorità Giudiziaria gelese – si legge in una nota della Procura – s’inquadra nelle rinnovate linee strategiche dell’azione del Corpo, volte a rafforzare l’azione di contrasto ai fenomeni illeciti più gravi e insidiosi, integrando le funzioni di polizia economico-finanziaria con le indagini di polizia giudiziaria e garantendo il perseguimento degli obiettivi di aggressione dei patrimoni dei soggetti dediti ad attività criminose, al fine di assicurare l’effettivo recupero delle somme frutto, oggetto o provento delle condotte illecite”.

Fonte: Radiocl1.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: