eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 2 febbraio 2021


Food blogger e bambini raccontano il radicchio Igp

Parte in questi giorni la nuova campagna pubblicitaria promossa dal Consorzio del Radicchio Rosso di Treviso Igp e Variegato di Castelfranco Igp che vede giovani consumatori di domani raccontare le eccellenze tutelate. Trenta secondi dove il Consorzio, attraverso la voce dei bambini, indica al consumatore l’importanza di scegliere il radicchio marchiato Igp, perché l’unico dove le tecniche di produzione, i tempi di maturazione e provenienza sono rispettati e garantiti secondo un preciso disciplinare di produzione. Un’azione di sensibilizzazione nei confronti del consumatore che andrà in onda nelle reti locali venete ma sarà diffusa anche attraverso i canali social del consorzio.
                
Coinvolta in questa seconda parte di stagione anche l’Associazione Italiana Food Blogger (Aifb) con 10 blogger provenienti da tutta Italia che parteciperanno ad un contest tutto digitale attraverso i canali dell’associazione. Obiettivo del consorzio quello di arrivare proprio al consumatore finale e ai segmenti di mercato più attenti alla qualità. Un’azione corale che sta già raccogliendo feedback attraverso le interazioni dei consumatori proprio nei canali social dove sia la varietà tardiva del Radicchio Rosso di Treviso che il Variegato di Castelfranco sono molto apprezzati e ricercati da tutta la Penisola. 



Azioni di comunicazione che arrivano al giro di boa di una stagione dall’andamento produttivo regolare ma caratterizzato, come di consueto, da un clima altalenante, sbalzi termici importanti e abbondanti piogge che hanno rallentato la raccolta e la maturazione del prodotto in fase di imbianchimento e determinano un maggiore sforzo dei produttori e delle strutture che distribuiscono il Radicchio di Treviso Igp nel mercato. Uno sforzo che si traduce in un prezzo al consumatore diverso rispetto alle altre cicorie ma giustificato dalla qualità di lavorazioni necessarie a produrre un’eccellenza.   

“Abbiamo scelto di veicolare maggiormente la distribuzione attraverso i retailer per compensare la situazione stagnante del canale horeca e la contrazione delle esportazioni - afferma Andrea Tosatto, presidente del consorzio di tutela - è un momento di forte incertezza ma il nostro prodotto è riuscito a reagire, è sicuramente un periodo di fermento nonché un’occasione di cambiamento che si rivela ghiotta per testare nuove forme di partnership e co-marketing con altre realtà di prodotti freschi e trasformati. Incoraggiante, inoltre, il mantenimento del trend di crescita del prodotto certificato”.
        


Stimati attorno a 1,5 milioni i bollini Igp stampanti per l’annata in corso (oltre 2 milioni quelli stampati nell’annata 2019-2020), bollini impegnati principalmente nel prodotto a vassoio e in packaging di piccole grammature che rispondono alla crescente richiesta di un prodotto sempre più vicino al consumatore. 
 
Essenziale per l’azione di promozione avviata in questa stagione il contributo Psr della Regione Veneto che vede il Consorzio di tutela del Radicchio Rosso di Treviso Igp e Radicchio Variegato di Castelfranco Igp come organismo responsabile dell’informazione.

Fonte: Ufficio stampa Radicchio di Treviso Igp


Altri articoli che potrebbero interessarti: