eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 19 marzo 2014


EATALY SMERALDO DI MILANO, AL REPARTO ORTOFRUTTA SOLO SACCHETTI E GUANTI IN BIOPLASTICA

E' stato il primo operatore dell'agroalimentare e della ristorazione italiana di alta qualità a scegliere gli shopper per asporto merci e le stoviglie monouso (bicchieri e posate) biodegradabili e compostabili in Mater-Bi® e oggi Eataly conferma il suo primato ambientalista adottando sacchetti in bioplastica anche per il Reparto Ortofrutta del nuovo punto vendita di Milano. Il progetto, realizzato in collaborazione con Novamont, prevede la progressiva sostituzione di sacchi e guanti in tutti i punti vendita italiani e esteri ubicati in località che effettuano la raccolta differenziata della frazione organica.
"Una decisione lungimirante, che ribadisce il forte impegno di Eataly nella sostenibilità ambientale ma anche la condivisione del progetto strategico di Novamont volto al consolidamento di un economia circolare che partendo da materie prime rinnovabili (locali e non food) permette l'ideazione e produzione di manufatti interamente realizzati in Italia, destinati a trasformarsi in fertile compost, indispensabile per nutrire naturalmente il terreno", ha commentato Alessandro Ferlito, Responsabile Commerciale di Novamont.
"Con la sostituzione dei sacchetti per la frutta verdura in PE con quelli in Mater-Bi® si darà un importante contributo alla raccolta differenziata della città di Milano - ha aggiunto Ferlito -. Dall'avvio del sistema porta a porta la percentuale di rifiuti urbani raccolti separatamente è cresciuta a Milano di 7 punti percentuali. Contemporaneamente, i rifiuti indifferenziati sono calati del 13%. Grazie all'introduzione della raccolta della frazione organica e del sacco trasparente, in due anni, Milano è passata dal 34,5% al 48,3% di differenziata. L'obiettivo di superare il 50% è sempre più vicino, dato che entro l'estate la raccolta dell'umido sarà estesa anche all'ultimo quarto della città. Con questi risultati Milano è, insieme a Vienna, la migliore città europea sopra il milione di abitanti e per EXPO punta a diventare la capitale della raccolta differenziata. Il rifiuto organico è una straordinaria risorsa con cui produrre energia rinnovabile (biogas) e compost di qualità. Prodotti compostabili come i nostri sacchetti in Mater-Bi®, che abbiamo fornito gratuitamente con la prima dotazione distribuita da Amsa, gli shopper e i sacchetti frutta e verdura scelti da Eataly, sono fondamentali per assicurare la qualità della raccolta della frazione umida e dare così maggiore efficienza all'intero processo di produzione-raccolta-smaltimento. In futuro, per la produzione di sacchi e sacchetti utilizzati da Eataly sarà utilizzato il Mater-Bi® di terza e quarta generazione, a più alto contenuto di rinnovabile".
I sistemi che già impiegano sacchi e stoviglie monouso compostabili in Mater-Bi® stanno dimostrando la loro superiorità ed efficienza nel raggiungimento di tali obiettivi. I prodotti compostabili in Mater-Bi® hanno dato prova di essere i più efficaci per incrementare l'intercettazione della frazione organica e garantirne il conferimento negli impianti di digestione anaerobica e compostaggio.
Il Mater-Bi®, la bioplastica sviluppata da Novamont, biodegradabile e compostabile in conformità con i principali standard internazionali, è in grado di garantire prestazioni del tutto simili alle plastiche tradizionali, ma contiene risorse rinnovabili di origine agricola. Diminuisce le emissioni di gas ad effetto serra, riduce il consumo di energia e di risorse non rinnovabili, completa un circolo virtuoso: le materie prime di origine agricola tornano alla terra attraverso processi di biodegradazione o compostaggio senza il rilascio di sostanze inquinanti.

Novamont è leader nello sviluppo e nella produzione di materiali e bio-chemicals attraverso l'integrazione di chimica, ambiente e agricoltura. Con 323 addetti (il 20% dei quali impegnato a tempo pieno in R&S), ha chiuso il 2012 con un turnover di 135 milioni di euro ed investimenti costanti in attività ricerca e sviluppo (4,9% sul fatturato 2012); detiene un portafoglio di circa 1.000 brevetti. Ha sede a Novara, stabilimento produttivo a Terni e laboratori di ricerca a Novara, Terni e Piana di Monte Verna (CE). Opera tramite sue consociate a Porto Torres (SS) e Bottrighe (RO). È presente attraverso sedi commerciali in Germania, Francia e Stati Uniti e attraverso propri distributori in Benelux, Scandinavia, Danimarca, Regno Unito, Cina, Giappone, Canada, Australia e Nuova Zelanda.


Fonte: Ufficio Stampa Novamont
 


Altri articoli che potrebbero interessarti: