eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

giovedì 7 novembre 2013


DALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA IN ARRIVO 10,8 MILIONI DI EURO PER BIOLOGICO, BIODIVERSITÀ E TUTELA DEL PAESAGGIO. DOMANDE APERTE FINO AL 16 DICEMBRE

Oltre 10 milioni 800 mila euro per l'agricoltura che fa bene all'ambiente, tutela la biodiversità, salvaguardia il paesaggio. Biologico e produzioni a lotta integrata in testa. A tanto ammontano le risorse messe a disposizione dalla Regione, attraverso due bandi per i quali è possibile fare domanda fino al 16 dicembre prossimo.
Si tratta delle misure sui Pagamenti agroambientali e sul Ripristino di spazi naturali e seminaturali (rispettivamente le Misure 214 e 216, azione 3 dell'Asse 2) del Programma regionale di sviluppo rurale (PSR) 2007-2013, che prevedono il riconoscimento di un contributo a superficie a favore degli agricoltori che praticano forme di agricoltura che svolgono anche una funzione di presidio dell'ambiente e del territorio.
"Il Programma regionale di sviluppo rurale 2007-2013 si sta avviando a conclusione e con questi bandi, che rappresentano la transizione verso il nuovo settennato – spiega l'assessore regionale all'agricoltura Tiberio Rabboni (nella foto) – viene confermato un impegno forte a favore di un'agricoltura amica dell'ambiente. In questi sette anni sono stati coinvolti in interventi di carattere ambientale oltre 208 mila ettari (il 20% del totale), riducendo del 42% le concimazioni azotate, del 51% l'uso di fitofarmaci, di 200 mila tonnellate all'anno le emissioni di Co2. Il sostegno alle produzioni biologiche ha assorbito fino ad oggi il 34% delle risorse disponibili. Le risorse programmante per il 2013 porteranno il totale a oltre 300 milioni, con un aumento del 15% rispetto alla programmazione passata".
Tra gli interventi finanziabili, avranno la priorità le richieste di rinnovo per un' ulteriore annualità degli impegni agroambientali in corso, una possibilità questa che era già stata data nel 2012.
Molteplici gli interventi che potranno ottenere un contributo: oltre alle colture biologica e a lotta integrata, la tutela del patrimonio di razze autoctone del territorio emiliano-romagnolo, la conservazione e il ripristino di spazi naturali e seminaturali, così come la salvaguardia del paesaggio agrario.

Fonte: Regione Emilia Romagna


Altri articoli che potrebbero interessarti: