eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 4 settembre 2013


PAESI BASSI: I VOLUMI ESPORTATI DI F&V SCENDONO DEL 9% NEL PRIMO SEMESTRE 2013. PER IL FRESCO VA BENE SOLO LA CIPOLLA

La prima parte del 2013 si è chiusa alquanto male per gli esportatori di ortofrutticoli olandesi. I dati di Productschap Tuinbouw rilevano che da gennaio a giugno 2013 si è registrato un calo generalizzato nell'export di ortofrutta: l'Olanda ha inviato all'estero 898 milioni di Kg di frutta e ortaggi, contro i 985 milioni di Kg dello stesso periodo del 2012, segnando un preoccupante -9%.
I prodotti che registrano i cali più consistenti sono i peperoni, le pere, le mele, i funghi, la lattura, i porri e le fragole, mentre figurano in crescita i quantitativi di cipolle (+20%) e di altri prodotti ad uso industriale.
Nelle prime sei mensilità del 2013, le esportazioni olandesi di prodotti ortofrutticoli in Germania sono scese del 5%, passando da 379 a 362 milioni di Kg. Stessa performance negativa (-5%) per le spedizioni nel Regno Unito, passate da 135 a 129 milioni di Kg. Ancora peggio è andata in Russia, che ha registrato un calo del 35% con 49 milioni di Kg di ortofrutticoli, rispetto ai 75 milioni di Kg del primo semestre 2012.
I mercati di Svezia e Polonia segnano rispettivamente -22% (da 53 a 41 milioni di Kg) e -10% (da 38 a 34 milioni di Kg).
Le buone notizie per i Paesi Bassi arrivano invece dall'export verso l'Italia, cresciuto del 6% da 29 a 30 milioni di Kg, e la Francia che registra un +11%, passando da 50 a 55 milioni di Kg.

Tabella - L'evoluzione dell'export di cipolle nel periodo gennaio-giugno 2013


Fonte: Productschap Tuinbouw
 


Altri articoli che potrebbero interessarti: